scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
17/04/2021

Ed è baruffa invece su ‘Romagna Toscana’

QN - Il Resto del Carlino

A Castrocaro Terme e Terra del Sole si arricchisce di un nuovo capitolo lo scontro tra il gruppo consigliare di opposizione Casa civica e il sindaco Marianna Tonellato. L'ultima stoccata reca la firma di Alessandro Ferrini: oggetto del contendere è il documento presentato dal Comune termale, in veste di capofila di 14 Comuni della Romagna Toscana, per partecipare al bando 'Terre di racconti in Festival'; partecipazione volta a reperire finanziamenti, «350mila euro in gran parte pubblici», per la promozione turistica attraverso l'organizzazione della rassegna 'Romagna Toscana in Festival'. La richiesta di spiegazioni riguarda quelle che il consigliere di minoranza reputa «due clamorose assenze nell'elenco dei punti di forza della rete Romagna Toscana: la fortezza di Castrocaro, per l'ambito architettonico, artistico e museale, e il Palio di Santa Reparata, per quello delle attività culturali». Due eccellenze ritenute dal consigliere di minoranza destinatarie privilegiate degli investimenti. «Nulla da togliere ai tanti preziosi eventi e monumenti degli altri Comuni - scrive Ferrini -, tuttavia la fortezza e il Palio rappresentano due pilastri fondamentali della nostra cultura e vederli esclusi fa male al cuore prima ancora che alla politica». Il civico poi si spinge oltre. «Non penso si tratti di una banale dimenticanza, perché ciò significherebbe che il sindaco firma importanti documenti, dalle notevoli implicazioni economiche, senza l'attenzione richiesta dal suo ruolo sia locale, sia di capofila». Ferrini valuterebbe altrettanto grave un'omissione intenzionale «poiché queste due realtà esprimono un enorme potenziale turistico, oltre a essere profondamente radicate nel sentimento della comunità». Non si fa attendere la replica del sindaco, che risponderà formalmente in sede consigliare. «Il bando è volto a valorizzare il territorio dei Comuni della Romagna Toscana, grazie anche alla collaborazione della Fondazione - scrive Tonellato -. I finanziamenti che eventualmente arriveranno saranno quindi destinati, come il consigliere avrà notato, a strutturare un Festival che abbraccerà tutto il patrimonio culturale, imprenditoriale, turistico e ambientale dei Comuni». L'elenco riportato sarebbe così meramente indicativo di «alcuni» tra i tanti punti di forza. «Dovendo stare dentro i 2000 caratteri, era impossibile citare tutte le eccellenze di tutti i Comuni e si sono scelti quelli con caratteri di 'unicità' per ciascuno, nel nostro caso la Città fortezza medicea di Terra del Sole e il Festival Voci Nuove. Tutti i beni e gli eventi non citati saranno comunque nel progetto, se finanziato». Il sindaco chiude la polemica ricordando la visita alla fortezza, mercoledì, dell'assessore regionale Felicori, invitato dalla stessa fascia tricolore per valutare il futuro del gioiello sulla rupe: «Ancora una volta si cade nel tranello del campanilismo, senza capire che la valorizzazione riguarda un territorio ampio e non un 'bene' piuttosto che un altro». Francesca Miccoli