scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
25/11/2020

Ecco 300mila euro pronti per le microimprese

QN - La Nazione

CARRARA Un bando da 300mila euro per le microimprese colpite dall'emergenza sanitaria. Lo sta preparando il Comune e presto saranno aperti i termini per parteciparvi. I fondi saranno messi a disposizione direttamente da piazza II Giugno e vorranno essere un ulteriore aiuto per tutte quelle attività carraresi alle presi con la crisi economica: lo ha annunciato ieri l'assessore Matteo Martinelli durante la riunione online della commissione Bilancio. «Stiamo lavorando a un bando da 300mila euro per il sostegno alle microimprese colpite dalla crisi economica innescata dalla pandemia: si tratta di risorse che arrivano dalle casse del Comune e che l'amministrazione ha deciso di mettere a disposizione delle piccole attività della nostra città - spiega il vicesindaco -. Dopo un anno segnato dalle incertezze sia sulle entrate sia sulle spese, a causa ovviamente della pandemia, le valutazioni di fine anno sul bilancio comunale hanno evidenziato la disponibilità di risorse che l'amministrazione ha deciso di destinare con un bando che va da un lato a integrare le misure già disposte per aiutare i cittadini a far fronte alla crisi tra la primavera e l'estate e accoglie dall'altro alcune istanze arrivate dai consiglieri di minoranza». «La definizione di criteri e beneficiari - aggiunge il titolare della delega al Commercio, Giovanni Macchiarini - sarà messa a punto a seguito di un confronto con le commissioni consiliari competenti, ma possiamo dire fin d'ora che il nostro obiettivo è quello di integrare i provvedimenti del governo e proseguire con la serie di misure già messe in campo nei mesi scorsi». Dopo le polemiche con Fratelli d'Italia sulla possibilità di ridurre le tasse comunali, l'amministrazione ha deciso dunque di intraprendere la strada del bando per le microimprese che si va aggiungere alle iniziative già messe in pratica negli ultimi mesi. «Le risorse - spiegano dal Comune - saranno assegnate attraverso un bando che è in fase di definizione in questi giorni. Questo provvedimento segue la sospensione dei termini di scadenza dei pagamenti di Tari, Tosap e Icp dello scorso aprile e la scelta dello scorso giugno di concedere la possibilità a ristoranti, bar e locali di allargarsi sul suolo pubblico senza ulteriori esborsi». «Sulle tasse abbiamo fatto tutto quello che la norma nazionale ci ha consentito di fare - aggiunge Martinelli - : sulla Tari abbiamo previsto una riduzione in linea con la delibera dell'autorità di gestione e nel frattempo abbiamo congelato il recupero delle morosità pregresse, perché siamo consapevoli che in questo momento molte famiglie hanno difficoltà ad arrivare a fine mese». © RIPRODUZIONE RISERVATA