scarica l'app
MENU
Chiudi
21/07/2020

“Eccessiva durata dei lavori” Tre attività chiedono i danni

La Stampa - P.I.

richiesta rivolta al comune di sanremo
Centomila euro di risarcimento per i mancati incassi causati dai lavori di riqualificazione di piazza Borea d'Olmo e via Mameli. La richiesta danni, presentata attraverso un invito alla mediazione - formula conciliatoria alternativa alla causa civile - è stata rivolta al Comune di Sanremo, nella figura del sindaco Biancheri, ma anche all'architetto Baroni, funzionario di Palazzo Bellevue, in qualità di direttore dei lavori, dai titolari di tre attività: il Lab Gourmet, il negozio di dolciumi Candy Shop e la gelateria Gelatè di via Mameli, quest'ultima anche su via Matteotti. Si sono affidati all'avvocato Alessandro Gallese, l'incontro di mediazione è fissato giovedì 30 luglio in Comune. Nel mirino c'è quella che viene considerata «l'eccessiva durata dei lavori», che ha determinato «l'azzeramento del flusso turistico e del passaggio pedonale quotidiano, con conseguente incidenza sul fatturato», ma anche i disagi direttamente legati al cantiere: «Le polveri derivanti dalle lavorazioni si legge - impediscono l'utilizzo dei dehors».I titolari lamentano il fatto che le diverse sospensioni del cantiere decise dalla sua apertura nel maggio 2019, fatta eccezione per quella legata all'emergenza Covid-19, «non sono state disposte a causa di circostanze speciali, come prescritto dal Codice degli Appalti». Di qui l'intimazione al risarcimento dei danni , nonché la richiesta immediata di «esenzione da ogni imposta e/o tributo comunale collegati all'attività commerciale nonché all'occupazione del suolo pubblico». - © RIPRODUZIONE RISERVATA .