scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
16/02/2021

Due piastre polisportive e biblioteca rinnovata

L'Arena di Verona

CALDIERO. Nell'ultimo Consiglio, l'amministrazione ha proposto variazioni al bilancio per due opere, sperando di intercettare finanziamenti
Contestato l'inserimento delle aree da gioco Il sindaco: «Ci prepariamo così a partecipare a bandi»
Due piastre polivalenti per giocare all'aperto e la sede della biblioteca rinnovata. Nell'ultima variazione al bilancio pluriennale 2021 - 2023, il Consiglio comunale ha infatti deciso di inserire 40 mila euro per la messa in sicurezza e il miglioramento dell'ex palazzo municipale di piazza Vittorio Veneto, sede della biblioteca comunale «Don Pietro Zenari», nonché della sala consiliare e della sala civica dei volti. «L'intervento sarà concentrato sul rinnovo degli impianti elettrico, tecnologico e termoidraulico dell'intero edificio», ha spiegato in assemblea civica il sindaco Marcello Lovato. «La sede della biblioteca è priva di impianto di raffreddamento», ha aggiunto il vicesindaco Francesco Fasoli, «che può tornare molto utile agli utenti nei mesi più caldi».«La biblioteca comunale registra un trend di crescita costante», ha sottolineato l'assessore alla Cultura e politiche giovanili Melania Martinato, «e perciò questo adeguamento tecnico andrà a beneficio dei fruitori del servizio, il quale potrà così essere potenziato».Nel bilancio sono state inserite anche le due piastre sportive esterne, che l'amministrazione comunale ha deciso di realizzare. La prima piastra sarà nel parco del Sorriso a Caldierino e l'altra nel quartiere Sant'Antonio del capoluogo. Ognuna di esse costerà 80 mila euro circa e saranno usate per giocare a calcetto, pallacanestro e pallavolo da bambini, ragazzi e giovani del quartiere residenziale e della frazione. La loro costruzione è prevista tra il 2022 e il 2023.«Ma speriamo di poter anticipare la loro realizzazione, se arriveranno i fondi», ha chiarito il sindaco. «Si tratta di una richiesta che giunge direttamente dai residenti», ha fatto notare il vicesindaco Fasoli, «che finanzieremo in parte con un contributo di un bando nazionale e in parte con soldi che derivano dalle perequazioni edilizie degli accordi di programma tra ente pubblico e privato, che sono in divenire».Le consiglieri di minoranza Carmen Tomba ed Annalisa Bonomi hanno votato contro la variazione e di conseguenza contro i due interventi in programma. «Non c'è nessuna urgenza di realizzare le due piastre sportive, visto che verranno realizzate l'anno prossimo e nel 2023: si potevano inserire successivamente», ha osservato la capogruppo Carmen Tomba, «iscriverle a bilancio ora è prematuro. Chiediamo una delucidazione scritta, la prossima volta, allegata alla variazione di bilancio, perché ciò che ha spiegato il sindaco, dai documenti in nostro possesso, non si capiva».«Abbiamo deciso di inserire le piastre sportive in un documento programmatorio, come il bilancio pluriennale, perché abbiamo fatto richiesta di contributo al bando nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri chiamato Sport e Periferie», ha replicato il sindaco Lovato, «nella speranza di essere inseriti in graduatoria».Nella medesima variazione al bilancio, sono stati infine tolti 5.800 euro che servivano per assumere un bibliotecario, poiché tale assunzione è stata posticipata e sono stati aggiunti invece 3.300 euro per le spese di sanificazione legate all'emergenza Covid 19.