scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
21/09/2021

Due mesi fa i nidi a una realtà di Bergamo

Il Tirreno - Marco Pagli

il precedente
Marco PagliEMPOLI. La gestione del servizio di trasporto pubblico scolastico del Comune di Empoli passa ad un consorzio cooperativo di Manfredonia, in provincia di Foggia: l'azienda si chiama Re Manfredi.L'appalto lanciato dall'amministrazione comunale nei mesi scorsi ha concluso il proprio iter con il passaggio di consegne dalla cooperativa empolese Geos al soggetto pugliese, che già gestisce vari servizi di trasporto pubblico in Toscana. Qualcosa di molto simile a quanto accaduto all'inizio dell'estate con i servizi educativi dei nidi comunali, la cui gestione è passata da tre cooperative empolesi ad una di Bergamo.I 16 lavoratori, che erano assunti a tempo indeterminato con Geos, hanno ricevuto il rinnovo contrattuale alle medesime condizioni grazie ad un accordo sindacale. «Anche in questo caso, con l'appalto che ha sancito il cambio di gestione del servizio di trasporto scolastico comunale di Empoli - spiega Paolo Grasso della Funzione Pubblica Cgil di zona - siamo riusciti a chiudere un accordo che garantisce la continuità occupazionale per tutti i lavoratori che erano coinvolti nel servizio. Inoltre, vengono mantenuti tutti i livelli contrattuali. Si tratta di un accordo che ancora una volta riesce a tutelare i lavoratori in un cambio di appalto nei servizi pubblici e in una fase complessa in cui l'impegno del sindacato a difesa del lavoro diventa sempre più centrale». Il consorzio cooperativo Re Manfredi è una realtà strutturata che svolge servizi analoghi in diversi comuni della Toscana da anni. È nato nel 2002 dalla fusione di diverse imprese cooperative che operavano in campi diversi e negli anni è passato dalla gestione del trasporto locale nella provincia di Foggia allo svolgimento di servizi in appalto su tutto il territorio nazionale, aggregando una decine di imprese con una rete di oltre 300 addetti. A Empoli si occuperà del servizio di trasporto scolastico per le scuole materne, primarie e secondarie di primo grado. La durata dell'appalto è di due anni e la cifra prevista dal bando è 742mila euro. I criteri per l'aggiudicazione erano l'offerta economicamente più vantaggiosa considerando il miglior rapporto qualità/prezzo. Finora il servizio, come accennato, era stato gestito dalla cooperativa Geos di Empoli, realtà nata negli anni '90 sull'onda di un progetto di occupazione e valorizzazione delle risorse umane e dell'esperienza dei lavori socialmente utili nelle strutture socio educative. La cooperativa negli anni è cresciuta implementando i servizi offerti e affermandosi nel campo dell'assistenza dei minori disabili, nell'accompagnamento degli studenti sugli scuolabus, nel prescuola, nella preparazione pasti nelle mense comunali e, appunto, nel servizio di trasporto scolastico. Al momento il monte orario previsto per il servizio - e per i lavoratori passati al consorzio pugliese - è calcolato sulle necessità di questo inizio di anno scolastico, con gli orari ridotti alla mattina che non prevedono mensa e rientro pomeridiano. Per questo l'accordo sindacale prevede che entro 90 giorni dall'entrata a regime del servizio possano essere rivisti i parametri. «Questa clausola permette - chiarisce Grasso - a noi di vigilare e di fare in modo di intervenire nel caso in cui avvengano modifiche in corso d'opera, legate all'ampliamento dei servizi scolastici offerti». © RIPRODUZIONE RISERVATA