scarica l'app
MENU
Chiudi
04/02/2020

Due aziende in gara per il restauro di Palazzo Diamanti

La Nuova Ferrara - Gian Pietro Zerbini

Già insediata la commissione per l'appalto da 4,5 milioni A marzo l'assegnazione, a settembre partirà il cantiere il bando
Gian Pietro Zerbini Sono due le offerte pervenute per l'aggiudicazione del progetto di completamento di ristrutturazione, restauro e riqualificazione di Palazzo Diamanti. Un appalto 4,5 milioni di euro che vedrà la definitiva sistemazione del piano terra del monumento. La commissione giudicatrice, presieduta dall'ingegner Daniele Malucelli, dovrà valutare la qualità tecnica delle due offerte pervenute e una volta confrontata anche con l'offerta economica, verrà assegnato l'appalto, presumibilmente a marzo.Slitta il cantiere I lavori di cantieramento e l'avvio del restauro dovevano essere svolti in un primo momento a maggio, dopo la fase di disallestimento della mostra su De Nittis, ma l'annuncio dell'arrivo della nuova mostra di Banksy, in programma nei mesi maggio, giugno e luglio, farà slittare i lavori a settembre. I tempi tecnici parlano di un anno esatto di tempo prima della consegna dei lavori ed è facile intuire che non prima di settembre 2021 i lavori siano terminati.L'altro appaltoNel contempo, sempre per quella data, dovrebbero essere ultimati anche i lavori per un altro appalto, quello che riguarda il collegamento tra i due corpi di fabbrica, per il valore di 1 milione di euro.Il progetto deve essere ancora visionato dalla sovrintendenza e riguarderà anche la sistemazione del giardino del palazzo. Poi verrà effettuato il bando per l'assegnazione definitiva dei lavori.Gli importi La spesa complessiva per realizzare i lavori del progetto di ristrutturazione di palazzo Diamanti è di 4.575.000 di euro è finanziata 3,5 milioni di euro con risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione. Le condizioni sono regolate dal disciplinare tra il Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo e il Comune di Ferrara, stipulato nel 2016 di cui 1.100.048 euro in conto residui, 1.272.600 euro sull'esercizio 2020 e 1.127.351 euro sull'esercizio 2021. --© RIPRODUZIONE RISERVATA