scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
11/02/2021

Draghi e le consultazioni a Roma «Ascoltare la voce dei Comuni»

QN - La Nazione

PISA «Abbiamo detto a Salvini che su questa decisiva partita del Recovery Fund anche i Comuni devono avere voce, anche al di là dell'interlocuzione che già esiste tra Governo e Anci. Perché è quanto mai necessario soprattutto rendere gli investimenti certi e rapidi». Il sindaco Michele Conti ha partecipato ieri a una riunione in videoconferenza con il leader del Carroccio prima che la delegazione leghista incontrasse il presidente del consiglio incaricato, Mario Draghi, per le consultazioni. In collegamento, tra gli altri, oltre a Conti c'erano i sindaci Alessandro Canelli (Novara), Mario Conte (Treviso), Luca Baroncini (Montecatini), Alan Fabbri (Ferrara), Mario Guarente (Potenza), Nicola Ottaviani (Frosinone) e Giacomo Ghilardi (Cinisello Balsamo). «Vogliamo rappresentare l'Italia dei Comuni, dei territori e dei sindaci che erano stati incredibilmente esclusi dai ragionamenti sull'utilizzo dei fondi europei», ha commentato Matteo Salvini al termine della riunione. «Dal mio punto di vista - ha aggiunto Conti - ho fatto presente la necessità di sbloccare il sistema degli appalti per renderli più semplici e più rapidi. Credo anche che sia opportuno fissare dei temi per lo sviluppo, perché Mario Draghi è una persona autorevolissima che ha le chiavi dell'Europa e dobbiamo cogliere l'occasione di scrivere un nuovo piano Marshall che assicuri la ripartenza dopo i disastri della pandemia. Serve, a questo proposito, anche attenzione da parte dello Stato al settore della cultura, che, insieme al turismo, è il nostro petrolio per intercettare la ripresa e tornare a correre». Gab. Mas.