scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
08/05/2021

Domande aperte per il Servizio civile in provincia sono disponibili 284 posti

Il Tirreno - Fabio Calamati PISTOIA.

Impegno fino a un anno con un assegno di 434 euro ogni mese. Ecco i principali progetti presentati nella provincia solidarietÁ e formazione
Fabio CalamatiPISTOIA. Sono 284 i posti disponibili in provincia di Pistoia nel bando 2021 per il servizio civile regionale. Un'opportunità per dedicare fino a dodici mesi della propria vita ad una attività di valore sociale. Come accogliere e assistere persone anziane o disabili, darsi da fare con bambini in difficoltà, contribuire alla salvaguardia dell'ambiente, aiutare a scoprire beni culturali poco conosciuti. Ma anche lavorare per velocizzare la macchina della giustizia digitalizzando le pratiche, oppure far funzionare meglio una biblioteca comunale.Dentro al maxi-bando regionale ce n'è davvero per tutti i gusti, anche se i progetti orientati al sociale sono quelli che fanno la parte del leone.Il Servizio civile regionale rientra dal 2011 nell'ambito di "Giovanisì", il progetto della Regione per l'autonomia dei giovani. Riguarda ragazze e ragazzi fra i 18 e i 29 anni, disoccupati, inattivi o studenti. I progetti durano fra otto e 12 mesi, con il riconoscimento di un assegno mensile di 433,80 euro. Alla fine del percorso i Centri per l'impiego rilasciano il libretto formativo del cittadino, che riporta le competenze acquisite.I singoli progetti riassunti nel bando regionale possono essere presentati da enti pubblici, come i Comuni o le Aziende sanitarie, associazioni del terzo settore (dall'Arci alle Pubbliche Assistenze, alle Misericordie), cooperative, consorzi. Per quanto riguarda Pistoia e provincia, i progetti tra cui scegliere sono in tutto 55, molto variabili quanto a dimensioni. Si va dai cinque progetti della Misericordia di Pistoia, che coinvolgono dieci volontari ciascuno, a progetti come "Generazione Neet" dell'Inac, il patronato della Cia-Agricoltori, che prevede l'assistenza e l'informazione a lavoratori del settore in cerca di ricollocamento o di una via per andare in pensione.Tra i progetti particolarmente articolati, ad esempio, ci sono quelli dell'Arci, che a Pistoia ("Azione comune") prevedono l'utilizzo di dieci persone per attività come il doposcuola gratuito, il servizio di vestiario per persone in difficoltà economica, l'organizzazione di eventi tematici (cene, mostre, incontri).Per fare un altro esempio, il progetto "Prendimi per mano" della Misericordia di Pistoia (dieci posti) prevede interventi di aiuto per gli anziani, come lavorare ad un centro di ascolto, organizzare iniziative, accompagnare persone.Ma chi decidesse, ad esempio, di aderire alla richiesta della Procura della repubblica di Pistoia, potrebbe trovarsi tra i dieci ragazzi che si occuperanno di digitalizzare ed eliminare i fas cicoli cartacei dell'archivio del tribunale.Reca ndosi sul sito della Regione, comunque, si può accedere al bando completo, progetto per progetto, con i link alle singole associazioni e alla descrizione dettagliata degli interventi.Dal punto di vista territoriale, le maggiori opportunità (ben 115) sono concentrate nel capoluogo. Ma 21 posti sono disponibili anche a Pescia, 19 a Monsummano, 18 a Quarrata e Serravalle.Bene ricordare che è possibile presentare una sola domanda per un solo progetto di servizio civile. La domanda va presentata entro il 28 maggio. Lo si può fare collegandosi al sito https: //giovanisi. it/bando/servizio-civile-regionale-bando-per-giovani/. Se si possiede un lettore di smart card è possibile identificarsi con la tessera sanitaria; altrimenti si può fare tutto dal sito ma occorrerà allegare alla domanda una copia fronte-retro di un documento d'identità valido.La pagina appositamente dedicata al servizio civile nel sito web della Regione consente di ottenere tutte le informazioni necessarie. Ma si può chiedere anche al numero verde dell'ufficio "Giovanisì" (800 098719) o scrivere a info@giovanisi.it. --© RIPRODUZIONE RISERVATA