scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
29/05/2021

«Dl Recovery», arrivano i commissari anti-ritardi

La Gazzetta Del Mezzogiorno

QUOTE ROSA Clausola per garantire le pari opportunità occupazionali per chi si aggiudicherà i lavori del Pnrr LA REGIA DEL PIANO Cabina politica guidata dal premier, ma anche un tavolo permanente con le parti sociali e una segreteria tecnica
Delega Spid anche per la pubblica amministrazione Pronte le prime 350 assunzioni a tempo per 5 anni
l ROMA. Accesso facile ai servizi digitali della pubblica amministrazione con un nuovo sistema di deleghe per lo Spid, Sogei in campo per costruire la piattaforma per il green pass Covid, clausola per garantire le pari opportunità nelle assunzioni per chi si aggiudicherà i lavori del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Sale a 65 articoli il primo vero «decreto Recovery» che incorpora le semplificazioni per accelerare le opere e le norme per la struttura di governance del piano. Il maxi-decreto sarà oggi sul tavolo del Cdm, in attesa che si chiuda la mediazione tra governo e parti sociali sulle regole per appalti e, soprattutto, subappalti. Le ultime bozze si arricchiscono delle norme sulla «regia» del piano, pensata su tre livelli: una cabina politica guidata dal premier, che di volta in volta coinvolgerà i ministri interessati per materia e, dove necessario, anche i governatori delle Regioni. Ma ci sarà anche un tavolo permanente con le parti sociali e una segreteria tecnica che sopravvivrà alla fine dell ' esecutivo perché rimar rà in carica fino alla fine del Piano, nel 2026. In attesa della nuova corsia preferenziale per il reclutamento arrivano intanto le prime 350 assunzioni a tempo per 5 anni di ingegneri, informatici, economisti, giuristi con concorso rapido e una graduatoria a scorrimento che resterà valida fino al 2026. Il mantra è «fare presto» e per questo vengono anche rafforzati i poteri sostitutivi esercitati dal Consiglio dei ministri nei confronti di enti locali o amministrazioni ritardatarie, che potranno arrivare fino all ' indicazione di com missari ad acta per superare eventuali impasse. Per gli appalti è invece in arrivo una proroga delle deroghe già in vigore per ora fino al 2023 (si era ipotizzato fino al 2026), con nuove soglie per gli affidamenti diretti, oltre alla clausola per promuovere le assunzioni di donne e giovani: i bandi di gara dovranno agevolare gli imprenditori under 36 e ci sarà un sistema di penali e premi, ad esempio per chi assicura la conciliazione vita-lavoro. Il dl interviene anche su un ampio spettro di procedure che rallentano la macchina pubblica, dalla valutazione di impatto ambientale (Via), con l ' introduzione di una supercommissione con 40 tecnici e una Soprintendenza speciale per le opere del Pnrr, al «Comitato speciale» del Consiglio superiore dei Lavori pubblici fino alla Banca dati nazionale dei contratti pubblici dell ' Anac. Ci sarà poi il dimezzamento dei tempi per l ' avvio degli scavi per la ban da larga (da 6 a 3 mesi). Ridotti anche i tempi per il silenzio-assenso e riviste le procedure per il ricambio degli impianti delle rinnovabili (già bocciate dalle imprese dell ' eolico). Arriverà anche un piano per le infrastrutture per accompagnare la Sardegna nell ' addio al carbone. Per le opere che saranno individuate come di «particolare complessità o rilevante impatto» ci sarà una procedura accelerata che taglierà i tempi tra la presentazione del progetto e l ' ok al bando di gara. Alcune novità interesseranno direttamente i cittadini, come l ' accesso al Superbonus 110% con la sola Cila (la comunicazione di inizio lavori asseverati), per facilitare i condomini. Sembrerebbe tramontare, anche se compare ancora nelle bozze, l ' estensione agli alberghi mentre si starebbe ragionando sui lavori per portare la banda larga nei palazzi (applicando lo sconto in fattura o la cessione del credito). Per i più anziani - o i meno digital - arriverà poi l ' attesa pos sibilità di delegare amici e parenti che hanno più dimestichezza con le nuove tecnologie: chi non ha lo Spid potrà delegare qualcuno con identità digitale con un buon livello di sicurezza che si dovrà iscrivere su un apposito Sistema: ad esempio, un nipote potrà gestire per la nonna l ' accesso ai servizi dell ' Inps o dell ' Agenzia delle Entrate. [ag.]

Foto: FUNZIONE PUBBLICA Il ministro Renato Brunetta