MENU
Chiudi
07/01/2019

di Marco BittauwOLBIACon un accordo sindacale all’…

La Nuova Sardegna

di Marco BittauwOLBIACon un accordo sindacale all'avanguardia e, almeno per ora, unico in Sardegna, la De Vizia ha assunto stabilmente 17 lavoratori precari e assicurato a numerosi altri dipendenti stagionali di continuare a lavorare nonostante le misure rigide imposte dal "Decreto dignità " varato dal Governo, che invece vieta il rinnovo dei contratti a termine dopo 24 mesi. Un modello da imitare e, complessivamente, una prospettiva nuova per un settore difficile come quello degli appalti che si nutre di lavoro precario. Determinanti la disponibilità dell'azienda, che si occupa di igiene ambientale e che a Olbia cura il servizio d raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, e il ruolo del sindacato firmatario dell'accordo, senza il quale l'operazione non si sarebbe potuta chiudere.«In questi tempi difficili in cui si parla di licenziamenti, precariato in aumento e chiusura di aziende per delocalizzazione, la stabilizzazione di 17 dipendenti precari è una notizia straordinaria - dice Luisella Maccioni, segretario della Funzione pubblica Cgil -. È il frutto di un buonissimo accordo sull'utilizzo dei lavoratori precari e sulla loro stabilizzazione che ha dato la possibilità a 17 dipendenti di essere assunti a tempo indeterminato e ai tanti operai stagionali dell'azienda di continuare il percorso lavorativo nonostante i vincoli normativi prevedano una ben diversa soluzione, cioè l'interruzione del rapporto di lavoro». «Un segnale importante - aggiunge Luisella Maccioni, che affonda il colpo verso la guida politica del Paese - soprattutto in un periodo dove si tenta di cancellare la contrattazione e si spinge per sostituire la rappresentanza sindacale con un rapporto diretto tra il cittadino e il Governo. Un risultato notevole per la Gallura e per Olbia, per la De Vizia e per il sindacato che attraverso un percorso di dibattito e discussione hanno portato a casa un risultato ottimo in controtendenza rispetto a quanto sta succedendo in altre parti della Sardegna e dell'Italia . Questa è la prova provata che la rappresentanza è un valore e che il sindacato è lo strumento per garantire l'interesse collettivo dei lavoratori».Accordo alla mano, la Funzione pubblica Cgil rende onore al merito anche alla società De Vizia che - con una strategia aziendale evientemente controcorrente, almeno per quanto riguarda il settore degli appalti dei servizi, piuttosto famelico di lavoro precario - dal 2013 a oggi ha già stabilizzato ben 67 lavoratori precari. Nel caso dell'accordo per le ultime 17 assunzioni, l'azienda ha individuato con il sindacato i settori dove si potevano inserire i lavoratori da stabilizzare e in molti casi, per facilitare il percorso, a sue spese ha dotato i dipendenti dei titoli e requisiti necessari. È il caso della patente di guida per gli autisti: i lavoratori da assumere non avevano la licenza di guida e l'azienda li ha messi in condizione di prenderla.©RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore