scarica l'app
MENU
Chiudi
11/07/2019

Dg, un altro napoletano alla corte del presidente?

La Gazzetta Del Mezzogiorno - ANTONELLA INCISO

REGIONE IL PUZZLE DELLE NOMINE OSPEDALI Ad acuire le tensioni anche la scelta del dg del «San Carlo» di individuare il nuovo direttore sanitario dall'elenco della Campania LA COALIZIONE FIBRILLA Ma le scelte di dirigenti provenienti da fuori regione inizia a creare tensioni nella maggioranza. FI decisa a difendere i suoi
Dopo le scelte di staff, Bardi vuole alla sanità medico ex dg Asl Il governatore assicura che le nomine saranno fatte al massimo entro la fine del mese
l Il nome, questa volta, lo conoscono solo i fedelissimi. I suoi collaboratori più vicini. La figura ed il ruolo che vorrebbe fargli svolgere, però, sono chiari a tutti. Dopo i dirigenti che sono entrati a far parte dell'Ufficio di gabinetto del presidente un altro campano, o per essere più precisi, un altro napoletano potrebbe arrivare nella squadra del governatore Bardi. La decisione non è ancora definitiva ma è il presidente in persona a sostenere il nome di un medico napoletano, con un passato da direttore generale in una Azienda sanitaria campana, per la nomina a direttore generale al Dipartimento Sanità. L'indicazione sarebbe stata ufficializzata nei giorni scorsi non senza qualche perplessità considerato che la scelta deve essere inserita nel quadro complessivo delle nomine dei dg. Uno schema ancora lontano dalla sua concretizzazione non solo per gli aspetti tecnico - giuridici legati al numero di esterni che possono essere indicati (tra cui è certo all'ambiente, voluto dal governatore, l'ex colonnello dei servizio Michele Busciolano) ma anche per la discussione con i partiti della maggioranza consiliare. La Lega che in un primo momento appariva ferma nel volerne incassarne tre (Del Corso all'agricoltura, Tripaldi alla Programmazione e Luongo alle Infrastrutture) ha scelto di mediare limitandosi ad una sola postazione (quella di Del Corso) sollecitando, nel contempo, un'accelerazione sulle scelte e sulla programmazione (compresa quella che riguarda gli enti sub regionali dove la coalizione ha già rischiato l'incidente diplomatico con il presidente per l'indicazione poi revocata di prorogare Aniello Ertico al Consorzio Asi di Potenza per cinque anni). Forza Italia, invece, più netta, sui direttori generali difende le indicazioni che sono state date dai suoi assessori. A cominciare dalla scelta di Alfonso Marrazzo come dg alla Sanità. Se a questo si aggiungono le ultime tensioni che si sono registrate ieri tra alcuni esponenti della maggioranza regionale rispetto alla scelta del dg del «San Carlo» di nominare un direttore sanitario friulano prendendolo dagli elenchi della Regione Campania è evidente che il puzzle sui nomi resta complicato. Il presidente Bardi, da parte sua, rassicura che le scelte saranno fatte a breve, al massimo entro la fine del mese. Ma tra nomi, equilibri politici e la maxi partita degli enti sub regionali che si sta iniziando a discutere non sarà semplice arrivare alla sintesi. E con la pausa estiva comunque alle porte e la necessità di concentrasi per approvare al massimo entro i primi di agosto l'as sestamento di bilancio il rischio, per alcune decisioni, di un allungamento dei tempi è concreto. DG REGIONE DG REGIONE DONATO DEL CORSO Ben visto dal presidente Bardi e difeso dall'assessore leghista Fanelli incasellerà la nomina anche perché interno MARIA TERESA LAVIERI Pressing del presidente sulla dirigente per averla alla direzione della Stazione appaltante dopo il suo no DG REGIONE DG REGIONE DOMENICO TRIPALDI Nonostante il passo indietro della Lega per la sua vicinanza al Centrosinistra andrà alla programmazione per volontà di Bardi LILIANA SANTORO Nonostante le perplessità dell'assessore Merra alle Infrastrutture ritorna in auge la riconferma di Liliana Santoro SOTTOSEGRETARIO NICOLA PAGLIUCA Doveva andare ad Al ma i tempi troppo lunghi lo lanciano, tra qualche mese, verso l'incarico di sottosegretario alla presidenza SVILUPPO BASILICATA GABRIELLA MEGALE Dopo essere stata in corsa per l'assessorato all'imprenditrice azzurra sarà assegnato il vertice della società in house APT GIAMPIERO MARUGGI Dopo essere stato stoppato da assessore e dg il manager potrebbe andare in quota Lega all'Azienda di promozione turistica GIAMPIERO PERRI È lui l'altro nome che la Lega ha messo sul piatto per il ruolo di commissario dell'Azienda di promozione turistica SEL LUIGI MODRONE La Società energetica lucana spetta alla Lega che per il vertice punta su uno dei fondatori del partito in Basilicata