scarica l'app
MENU
Chiudi
09/07/2020

Dec reto semplificazioni, ancora nodi da sciogliere

Gazzetta del Sud

Il vertice notturno
ROMA Il modello Genova, le modifiche alle norme sugli appalti. Dopo settimane di convulse trattative, sono i nodi più discussi del decreto semplificazioni,a tardarel' approdo in Consiglio dei ministri di quella che il premier Giuseppe Conte ha definito «la madre di tutte le riforme». Conte ha portato il testo,d' una cinquantina di articoli, in Cdma notte fonda, alla vigilia della visita in Portogalloe Spagna che lo porterà nel vivo della partita peri fondi del Recovery fund. Sbloccare gli investimenti, semplificarei vetusti farraginosi procedimenti della Pubblica amministrazione,è un pezzo assolutamente cruciale del programma che il governo presenteràa Bruxelles: le linee guida vengono tratteggiate nel Piano nazionale delle riforme, che il ministro Roberto Gualtieri presenta nello stesso Cdm. Ma il braccio di ferro tra M5Se Italia Viva da un lato, Pde Leu dall' altro, va avanti fino all' ultimo. Si discute delle soglie per gli appalti, delle norme che riguardano le autorizzazioni perl' edilizia. Ma oggetto del contendereè soprattutto la lista delle grandi opere pubbliche da sbloccare conl' affidamentoa commissari straordinari, tanto che in una delle ultime bozze si prevede che ci sia tempo per redigerla finoa fine anno.E non si esclude neanche che il decreto venga approvato «salvo intese», una formula che prolungherebbe ancora una" partita" tutta interna alla maggioranza che va avanti da settimane. Pagina4