scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
09/09/2021

Danni del sisma e non solo: è in arrivo una serie di appalti

QN - Il Resto del Carlino

di Giuliano Forani L' assessorato ai Lavori pubblici ha trasmesso alla Provincia il programma delle gare di appalto che il Comune dovrà bandire attraverso la Stazione unica appaltante. Si tratta di interventi necessari per il recupero di edifici lesionati dal sisma del 2016 e di riqualificazione di luoghi urbani di fondamentale importanza per il decoro e la fruibilità, sia del vecchio centro storico che del capoluogo. Ma vediamo nel dettaglio quali saranno i cantieri da aprire per opere già finanziate. Innanzitutto, Civitanova Alta. La prima opera sarà la manutenzione straordinaria di piazza Garibaldi. Nella sostanza si tratta di un vero e proprio rifacimento del fondo e dei servizi tecnologici, per un importo a base d'asta di. 361.599,79 euro. Altro intervento di primaria importanza riguardano il consolidamento e il restauro del palazzo della Delegazione comunale, anch'essa danneggiata seriamente dal terremoto di cinque anni fa, al punto da imporre il trasferimento provvisorio delle attività comunali nel vicino palazzo dell'ex tribunale. L' importo base d'asta è di 513.688,59 euro. Terzo intervento di consolidamento, restauro e miglioramento sismico riguarderà la scuola elementare contigua alla ex chiesa Sant'Agostino. L' importo base d'asta è di 2.302.512,36 euro. Attenzioni rivolte poi al capoluogo, con opere già programmate e relative agli impianti sportivi. «Previstala riqualificazione dell' impianto sportivo del quartiere Risorgimento - dice l' assessore ai Lavori pubblici Ermanno Carassai - dove sarà rinnovato il fondo del campo di calcio in erba sintetica«. L' importo base d'asta è di 535.566,13 euro. Particolarmente atteso è l' intervento di riqualificazione di piazza XX Settembre e aree limitrofe, il cui progetto è stato affidato all'università Politecnica di Milano. Sarà realizzato a stralci, come è stato più volte sottolineato, e si comincerà dal Varco al Mare. L' importo base d'asta si aggira intorno ai 2.500.000. In fase successiva, si provvederà invece a realizzare gli altri interventi che completeranno l' opera di riqualificazione dell'area centrale, che va da Palazzo Sforza ai giardini pubblici e quindi al Lido. Prosegue poi il discorso di potenziamento della viabilità sostenibile, con la realizzazione del tratto ciclabile lungomare nord, fino al torrente Caronte. L'importo base d'asta è di 300.000 euro. Ed infine la sicurezza portuale. I lavori programmati riguardano il consolidamento della scogliera frangiflutto «con prolungamento molo est, porzione centrale lato nord». L' importo base d'asta è di 186.923,30 euro. Sempre finalizzati alla sicurezza e all' agibilità dell' imboccatura del porto sono i lavori di dragaggio. L' importo base d'asta è di 285.455,54 euro. Una lunga serie di appalti, dunque, da qui in avanti che, di conseguenze, dovrebbe portare in in tempo ragionevole alla apertura dei relativi cantieri.