scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/07/2021

Dall’università verso una carriera ministeriale da ottobre i tirocini per gli studenti magistrali

La Provincia Pavese

il bando
All'iniziativa aderisce anche l'ateneo di Pavia, per concorrere il requisito è la media dei voti degli esami non inferiore al 25
PAVIA Al via il bando per individuare 156 tirocinanti al ministero dell'Istruzione, frutto di un accordo tra ministero e Fondazione Crui che riunisce i rettori delle università italiane. I tirocini si potranno effettuare sia nelle sede centrale che in quelle periferiche dell'ente nel periodo ottobre 2021 - febbraio 2022 e per partecipare alla selezione c'è tempo fino al 6 settembre. Possono candidarsi gli studenti iscritti ad un corso di laurea magistrale o a ciclo unico delle specifiche classi di laurea richieste nell'elenco delle offerte, presso le università associate alla Crui, la Conferenza dei rettori delle università italiane, che aderiscono al bando. Tra cui l'ateneo di Pavia. L'obiettivo dei tirocini curriculari è quello di integrare il percorso formativo universitario con conoscenze dirette delle attività che vengono svolte all'interno degli uffici ministeriali. LE ATTIVITÀ Esiste quindi un preciso progetto formativo che include le attività che il tirocinante dovrà svolgere nella sede assegnata, il numero di Cfu, Credito formativo universitario, che verrà riconosciuto dall'università di appartenenza, gli impegni del tirocinante, la dichiarazione liberatoria che stabilisce, da parte del tirocinante, l'impegno a non considerare l'esperienza come un rapporto di lavoro. Non è escluso che la Crui possa aumentare i posti disponibili. Tra i requisiti richiesti agli studenti c'è una media ponderata delle votazioni degli esami non inferiore a 25/30, aver maturato un numero minimo di 40 Cfu nel caso di lauree magistrali o specialistiche e un minimo di 210 Cfu nel caso di lauree magistrali a ciclo unico. Ma anche non essere condannati per delitti non colposi o non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi, l'assenza di provvedimenti che riguardino l'applicazione di misure di sicurezza o di misure di prevenzione. Le università di appartenenza effettueranno una prima selezione dei candidati, con riferimento al possesso dei requisiti e alla correttezza delle domande. In seguito, sulla base della preselezione, la Fondazione Crui e il ministero dell'Istruzione assegneranno un punteggio che terrà conto di criteri come l'età, punteggio più alto ai candidati di età inferiore, media degli esami, Cfu acquisiti, certificazione lingua inglese, conoscenze informatiche. La Fondazione gestisce numerosi bandi per tirocini e borse di ricerca in collaborazione con enti pubblici e aziende. Per entrare a far parte della banca dati è necessario iscriversi online, cliccando "Nuova iscrizione" e inserendo i propri dati anagrafici e accademici, in seguito alla quale ci si potrà candidare ai bandi. - STEFANIA PRATO ñõö I posti disponibili per i corsi che integrano l'attività curricolare