MENU
Chiudi
03/08/2018

Dall’Ue fondi per l’integrazione

ItaliaOggi - MASSIMILIANO FINALI

Il bando scade il 31 gennaio 2019. Potranno partecipare anche enti locali e p.a.
Sul piatto 16,2 mln fi nalizzati all'accoglienza dei migranti
Creare reti locali e regionali per favorire l'integrazione dei migranti, sviluppare accordi con stati extra-comunitari per favorire l'immigrazione regolare, integrare le vittime del traffico di esseri umani, proteggere i minori non accompagnati e promuovere l'informazione sui rischi dell'immigrazione irregolare sono i cinque obiettivi cardine di un nuovo bando comunitario da 16,2 milioni di euro. Il bando è stato emanato nell'ambito del Fondo asilo, migrazione e integrazione (fami) ed è disponibile sul portale comunitario dei partecipanti alla pagina https://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/home.html. I progetti dovranno riguardare uno solo dei cinque obiettivi proposti e dovranno essere presentati entro la scadenza del 31 gennaio 2019. Anche gli enti locali e le pubbliche amministrazioni potranno partecipare al bando e richiedere un contributo a fondo perduto a copertura del 90% delle spese ammissibili. Reti per l'integrazione Lo scopo delle reti dovrà essere quello di promuovere lo scambio di esperienze a livello europeo, fi nanziando progetti transnazionali per la creazione di una rete di regioni e città per lavorare insieme sull'integrazione. La rete permetterà il trasferimento di conoscenze, lo scambio di buone pratiche e di esperienze a livello locale e regionale in tutti gli stati membri. I partenariati dovrebbero, in particolare, includere le autorità locali e regionali che hanno poca o nessuna esperienza in materia di integrazione e le autorità locali e regionali che hanno invece esperienza in tal senso. Le reti dovranno favorire il trasferimento di conoscenze in merito alla creazione di politiche nel campo dell'integrazione, creazione di centri di integrazione locale, istruzione e formazione, alloggio, accesso ai servizi di base, mercato del lavoro, partecipazione attiva e inclusione sociale. Sviluppo dell'immigrazione regolare L'obiettivo è la promozione di percorsi specifi ci di migrazione del lavoro e della formazione tra paesi terzi e stati membri comunitari, che coinvolgano i datori di lavoro, altri partner economici e sociali e della società civile. Il bando intende sostenere progetti fi nalizzati ad ottenere una migliore corrispondenza tra offerta e domanda di lavoro nei mercati comunitari, in stretta cooperazione tra tutti gli attori del mondo del lavoro e della società civile. I progetti dovranno favorire la condivisione di conoscenze ed esperienze su azioni di successo per promuovere il diritto di migrazione verso gli stati comunitari, tenendo conto delle esigenze dei migranti, delle società ospitanti e dei paesi di origine. Sostegno alle vittime dei traffi ci È la parte del bando che mira a migliorare l'integrazione delle vittime di tratta dai paesi terzi, tenendo conto delle esigenze individuali delle vittime e prevenendo ricadute nel fenomeno. I progetti dovranno facilitare il rimpatrio volontario sicuro e sostenibile dei cittadini di paesi terzi vittime della tratta, oltre che garantire soluzioni specifiche durature per i minori. Protezione dei minori Il bando fi nanzia progetti incentrati sullo scambio di buone pratiche e sulla fornitura della formazione necessaria per sostenere l'implementazione, l'espansione e il miglioramento di sistemi di assistenza alternativi, come l'assistenza familiare, l'affi do e gli accordi abitativi indipendenti, oltre che studiare alternative effi caci alla detenzione. Sensibilizzazione sui rischi I progetti dovranno coinvolgere e responsabilizzare le comunità dei migranti sul territorio comunitario in modo da fornire informazioni sulla migrazione irregolare e informare sulle opportunità di rimpatrio volontario e sui programmi di reintegrazione. Saranno finanziate campagne e attività di comunicazione pilota che forniscano informazioni accurate e concrete sui rischi di migrazione irregolare e sul traffi co di migranti, sia in relazione ai pericoli del viaggio sia in relazione alle diffi coltà a integrarsi per i migranti irregolari.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore