scarica l'app
MENU
Chiudi
11/06/2020

Dalle opere all’esposto di un imprenditore

QN - Il Resto del Carlino

La sTORIA
I lavori post terremoto per i padiglioni fieristici erano stati presentati nel giungo del 2017. L'intervento prevedeva la messa in sicurezza sismica della struttura. Il progetto era stato posto a gara d'appalto con la gestione di Acer, in qualità di stazione appaltante per conto di Ferrara Fiere e per conto della proprietà dell'immobile (Regione Emilia Romagna e Comune di Ferrara). Al termine delle procedure di gara, era stata la ditta AeC Costruzioni con sede legale a Modena, ad aggiudicarsi il bando. A far partire l'indagine è stato un esposto presentato ai carabinieri da un imprenditore che segnalava presunte irregolarità (tangenti, peculati e truffe) alla fiera. Da qui sono cominciate le visite dei carabinieri al quartiere fieristico (ma non solo) per acquisire tutti i documenti necessari. Nel calderone vi sarebbero finiti anche atti legati ad un rapporto di lavoro tra l'ente fieristico e la società in capo al denunciante - il quale, secondo le accuse, non sarebbe stato pagato interamente - e in particolare la controversia relativa a un contratto di affitto per l'utilizzo di alcuni immobili in uno dei padiglioni del 'quartiere'.