MENU
Chiudi

DALLA PARTE DEL CITTADINO

13/03/2018

Corriere del Trentino

ROVERETO La musica che divide
Con la recente delibera di giunta numero 34 del 6 marzo 2018, il Comune di Rovereto ha deciso di continuare a dare contro ai propri cittadini ricorrendo al Consiglio di Stato impugnando la sentenza del Tar, datata 19 gennaio 2018, con la quale si dichiarava illegale usare lo strumento delle convenzioni per aggirare la legge sugli appalti. L'attuale giunta comunale, invece che cercare una soluzione capace di mettere insieme i vari interessi, continua ad adottare soluzioni divisive. Perché è evidente che la gara d'appalto mette le scuole le une contro le altre e che le convenzioni tendono solamente alla spartizione interinale della Civica scuola musicale. Il Cento Didattico MusicaTeatroDanza (Cdm, in sigla)da dieci anni propone una soluzione che la stessa Provincia ha ritenuto plausibile: una fondazione creata dalle scuole alla quale sarebbe invitato a partecipare il Comune. Ancora in queste settimane, dopo la sentenza contestata dal Comune, il Cdm ha provato nuovamente ad avviare quanto meno uno studio di fattibilità rifiutato categoricamente dal Municipio roveretano. Per ragioni assolutamente incomprensibili, il Comune respinge ogni soluzione costruttiva mantenendo una logica di privilegio per una scuola extra comunale, la Novak, sicuramente meritevole, ma che non è una scuola di Rovereto. I nostri amministratori persistono pertanto - a prescindere dall'orientamento politico o dalla natura civica delle proprie liste - a fare scelte dannose e divisive invece che supportare l'unica soluzione seria e lungimirante che avrebbe importanti ricadute sull'occupazione e sullo sviluppo culturale ed educativo dell'intera città della Quercia. Evidentemente le ultime elezioni non hanno insegnato nulla. Si allontanano sempre più dai loro cittadini invece che sostenerli, cercando di valorizzare l'operato di soggetti che operano da più di 30 anni sul territorio e che una certa esperienza l'hanno quindi maturata. Il voto del 4 marzo ha detto con estrema chiarezza un'altra cosa e cioè che le vecchie logiche, di cui questa giunta con il supporto della maggioranza del Consiglio comunale si rende ancora protagonista ogni giorno, non sono più tollerabili soprattutto laddove arrechino danno alla popolazione come nel caso della Civica scuola musicale. Paolo Gabriele Sfredda, presidente Centro Didattico MusicaTeatroDanza, ROVERETO

13 Mar
Corriere Adriatico L'ACCOGLIENZAPESARO «Accoglienza dei profughi a Pesaro, il bando Sprar vinto ancora dalla Labirinto, che più che una cooperativ [...]
13 Mar
Il Roma PRIVATIZZAZIONE RINVIATA A CAUSA DELL'AVVOCATURA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA CASTELLAMMARE DI STABIA. Privatizzazione del [...]

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore