scarica l'app
MENU
Chiudi
25/06/2020

Da Campo di Marte al centro è svolta sui parcheggi privati

La Repubblica - Ernesto Ferrara

IL PIANO
Il Comune prova a dare la scossa con 4 bandi per dare la possibilità ai cittadini di realizzare aree sosta interrate. L'invito di Giorgetti a imprese e residenti a mettersi insieme: "Fatevi avanti"
● a pagina 3 Parcheggi interrati, Palazzo Vecchio tenta la scossa. Dopo anni di fiaschi e progetti abortiti, proprio nel bel mezzo della terribile crisi post Covid che ha fatto sparire il turismo imponendo alla città la ricerca di una nuova identità, il Comune ci riprova con la sosta pertinenziale, cioè i parcheggi privati per i residenti. Quattro i bandi già aperti nelle scorse settimane per quattro luoghi. Due sono a Campo di Marte - via dei Sette Santi e piazza Galileo Ferraris - e altri due in centro, via dei Renai e piazzale di Porta Romana, dove secondo le stime possono nascere (in ognuno) 120-150 posti auto. Gruppi di residenti interessati a costruirsi un posteggio di proprietà possono già giocarsi una chance presentando una proposta. Fin qui nulla. E per Palazzo Vecchio è il momento di rilanciare la sfida: «Crediamo che a tanti residenti interessati serva una spinta che potrebbe arrivare da aziende, ditte costruttrici, categorie. Fatevi avanti, questa operazione può contribuire a cambiare il volto della città» manda a dire l'assessore al traffico Stefano Giorgetti, pronto a scrivere nei prossimi giorni a Confindustria ma pure a Confcommercio, Confesercenti, Confcommercio, Cna, Confartigianato. È il tema dei temi per i fiorentini. E per questo la scommessa di Palazzo Vecchio contiene ambizioni e rischi: risponderà il tessuto imprenditoriale e della residenza fiorentina a questo appello? Fin qui la chance del prolifico affitto turistico non ha certo spinto larga parte dei proprietari immobiliari, in centro e a ridosso del centro, ad investire per fare parcheggi a servizio della propria abitazione. Eppure, per riportare i fiorentini in centro e favorire il direzionale e l'hi tech a cui anela il sindaco Nardella, affrontare il problema della sosta è strategico per il centro e anche per le zone a ridosso dell'area Unesco, dove l'estenuante caccia al parcheggio è ossessione quotidiana. Fin qui l'era dei parcheggi interrati costruiti a proprie spese dai residenti non ha mai funzionato: quello di piazza Savonarola resta l'unico esempio. L'ultimo bando comunale su piazza Tasso è andato deserto, ritirato quello su piazza Indipendenza. E nemmeno la stagione degli investimenti tramite la spa Firenze Parcheggi è mai ricominciata: naufragata tra le proteste l'idea di un silos in piazza del Carmine la società ora ragiona di piazzale Vittorio Veneto e Cestello, ma siamo indietro.
Per questo ora per il Comune è il momento di giocarsi il tutto per tutto. Invitando residenti e imprese a mettersi insieme e fare proposte. La formula è semplice: Palazzo Vecchio ci mette il suolo comunale dandolo in concessione per 99 anni, i privati si possono fare a loro spese un posto auto sottoterra nei pressi di casa o dell'azienda dove lavorano dando valore alle loro proprietà. Si possono realizzare anche veri e propri garage o box chiusi. Il costo? Tra i 25 e i 35 mila euro, si stima. Sta ai privai fare un accordo con una ditta costruttrice e presentare insieme un progetto in Comune. Il 70% dei posti deve essere destinato alla residenza, il 30% ad attività commerciali entro i 500 metri. Non si potrà costruire sotto giardini o alberature esistenti. E ai privati spetterà pure le sistemazione di superficie. I progetti su Renai e Porta Romana dovranno avere l'ok della soprintendenza. Si possono costruire parcheggi con la rampa di accesso o anche meccanizzati in cui l'auto va giù da sola, come a Bologna. Il bando aperto scade il 31 agosto ma il Comune è pronto a prolungarlo se ci fosse interesse. La speranza è quella: «Se qualcuno si facesse avanti si innescherebbe un circolo virtuoso. Noi siamo pronti a fare altri bandi anche per il centro», dice Giorgetti.

Foto: kLe possibilità Quattro le zone di Firenze dei nuovi bandi per i parcheggi interrati. Due in centro e due a Campo di Marte