scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
02/03/2021

Cristina Privitera elenco di esempi è lung…

QN - La Nazione

Cristina Privitera elenco di esempi è lungo e nutrito. Ristori che arrivano Si può cominciare dal caro affitti per tutto il commercio e il settore ospitalità. Quasi un anno di chiusure a singhiozzo hanno letteralmente strozzato le attività che sostenevano in città canoni di affitto esorbitanti. La legge non fornisce nessun appiglio per sospenderli oppure ottenere sconti. Se sei moroso finisci sotto sfratto, a meno che il proprietario non sia di buon senso o di buon cuore. Vince la rendita, perdono le imprese e i loro dipendenti. L'ultimo grido di disperazione arriva dal fronte dei progetti del Recovery Fund, il piano Marshall post pandemico, senza il quale qualsiasi possibilità di rilancio dell'economia appare poco più che una chimera. L'erogazione delle ingenti risorse europee, però, prevede limiti di tempo così stretti (2 anni) tra progettazione e realizzazione delle opere che ci escludono a priori. O si trova una soluzione per cambiare il codice degli appalti o siamo fuori, ha detto chiaramente il sindaco Nardella. D'altronde già non eravamo simbolo di efficienza prima nel riuscire a ottenere i fondi europei, molti dei quali persi per strada per inefficienza o cialtroneria. Chiudiamo con l'ultimo esempio che incrocia le lungaggini della nostra farraginosa burocrazia con la piaga delle piaghe italiche, la criminalità organizzata. La crisi delle aziende da pandemia ha spalancato le porte a possibili infiltrazioni (e lo stesso vale per le ghiotte opere del Recovery): come arginarle? Le verifiche di legge così come sono richiedono tempi lunghi e spesso si perdono in una massa di dati inutili, sottolineava su queste pagine giorni fa il prefetto Guidi. Tra vuoti normativi o ingorgo di norme non è che ci sia tanto da stare allegri per questa sospirata ripresa.