scarica l'app
MENU
Chiudi
12/09/2020

Covid, il sindaco rassicura sulla Rsa Manica

QN - Il Resto del Carlino

ARGENTA Il consiglio comunale di Argenta si è aperto con la comunicazione di nuove positività nella Rsa Benficenza Manica: 6 ospiti e 3 operatori che già erano stati positivi al Covid durante questa primavera, si sono ripositivizzati. «Ad oggi - ha chiarito il sindaco Andrea Baldini - nessuno ha sintomi e le condizioni di salute di tutti sono stabili. Chiaramente sono stati separati dagli altri ospiti e gli operatori sono in quarantena. Le segnalazioni di casi di persone tornate positive dopo un passato contagio sono in questi giorni diffuse e Ausl Ferrara venerdì farà ulteriori test per capire se per questi casi si tratta di residui virali della infezione passata». Tra le altre comunicazioni del sindaco ricordiamo le novità nel gruppo dirigente di Soelia. Nella municipalizzata è stato assunto Fabio Candeloro, il presidente Massimo Scoccia per il momento manterrà le deleghe, in attesa dell'attribuzione in un secondo tempo. Porte girevoli anche nelle scuole del comune di Argenta: è andata in pensione Neda Tumiati, sono arrivati i dirigenti scolastici Manuela Muscherà e Carla Sermasi. Si è molto dibattuto su due variazioni di bilancio, la prima di queste conteneva le risorse accantonate per la fiera, manifestazione poi annullata. Il capogruppo della Lega Ottavio Curtarello ha chiesto che i 70.000 euro stanziati per le fiera siano ridistribuiti per le attività produttive e commerciali; il sindaco ha sottolineato che la ridistribuzione delle risorse sarà decisa nella prossima seduta consiliare. Giuseppe Brina della Lega ha chiesto che anche i 4.500 euro per la progettazione siano ridistribuiti, in questo caso la richiesta è stata respinta: «il progetto servirà per l'edizione 2021 della fiera». Novità importanti sono emerse per quanto riguarda l'impiantistica sportiva. Ha avuto luce verde infatti una variazione di bilancio di 85.000 euro: servirà per predisporre il progetto per lo stadio «Lucio Mongardi» di Argenta. Da oltre due anni è inagibile, tanto che l'Argentana è costretta a giocare le partite di campionato nell'impianto di via Napoli, che è destinato al settore giovanile. Il progetto dovrà essere consegnato entro il 30 settembre, come richiede il bando «Sport e periferie», che mette a disposizione contributi fino a 700 mila euro. Non bastano: l'amministrazione Baldini in precedenza aveva predisposto un progetto di fattibilità di 2,5 milioni di euro tuttavia, ha spiegato l'assessore allo Sport Giulia Cillani, c'è l'opportunità di ulteriori risorse da parte del Credito sportivo, il cui bando ha tempi più lunghi e quindi consentirà di predisporre il progetto con più calma. «Il progetto - ha sottolineato l'assessore - non prevede soltanto la riqualificazione dello stadio, ma dell'intera area, vale a dire la piazza antistante l'impianto sportivo e gli spazi adiacenti dei campi di tennis e della piscina». Franco Vanini