scarica l'app
MENU
Chiudi
10/12/2019

CORTINA La pista agonistica di sci Lino Lacedelli …

Il Gazzettino

CORTINA
La pista agonistica di sci Lino Lacedelli alle Cinque Torri è completata. Il nuovo tracciato, che servirà per le fasi iniziali, di qualificazione, durante i Campionati del mondo di sci alpino Cortina 2021, è finito, è innevato e recintato. Per ora è chiuso e Luigivalerio Sant'Andrea, commissario di governo per le opere dei Mondiali, conta di dare il pista libera a giorni, comunque prima di Natale. «La nuova Lino Lacedelli è completata, dal punto di vista tecnico. Abbiamo finito di montare anche le reti di protezione. Stiamo ultimando l'attività amministrativa di collaudo, ai fini di una consegna anticipata, come prevede il Codice degli appalti».
TEMPISTICHE
Sui tempi si dice ottimista: «Orientativamente per il 20 dicembre, ma comunque prima di Natale, intendiamo procedere con il decreto di apertura al pubblico esercizio, così che ne possano usufruire i turisti, durante il periodo delle festività». La pista corre parallela al vecchio tracciato delle Cinque Torri, che è stato di fatto raddoppiato in larghezza. In questo modo si potrà usare per l'attività agonistica riservata, senza interferire con il divertimento degli sciatori per divago. Prima e dopo dei Mondiali del febbraio 2021 rappresenterà un importante lascito per la dotazione di infrastrutture sportive, ricreative e turistiche della conca.
CAMBI DI PENDENZA
«La pista ha una importante legacy, come è stato detto più volte precisa il commissario Sant'Andrea perché è il primo intervento pubblico completato. Servirà sicuramente per i Mondiali, nelle fasi di qualificazione degli atleti, ma è poi destinata ad accogliere gli allenamenti di tutti gli sci club del territorio, di Cortina e non soltanto. E' stata disegnata con diversi cambi di pendenza, per poter praticare tutte le specialità dello sci alpino. E' ampia, così da poter realizzare più tracciati, sia nella parte superiore, sia in quella inferiore. Ci saranno due accessi, uno a monte, uno a valle, per consentire la massima sicurezza degli atleti, durante gli allenamenti. Soprattutto si riesce così a liberare le piste delle Cinque Torri aperte al pubblico, durante i periodi di maggiore affluenza».
RILANCIARE CORTINA
Luigivalerio Sant'Andrea parla da tecnico, oltre che da funzionario responsabile dell'organizzazione dell'evento, per conto del governo italiano: è infatti maestro di sci e ha esercitato la professione anche sulle piste di Cortina, che conosce molto bene: «La nuova pista Lino Lacedelli rispecchia l'orientamento di questi Mondiali: rilanciare Cortina come capitale nazionale dello sci e dare anche le strutture per poter svolgere attività di preparazione dei giovani, che speriamo possano diventare grandi atleti, nei prossimi anni».
L'INTITOLAZIONE
Il tracciato è stato intitolato a Lino Lacedelli poiché è stato un importante imprenditore turistico, oltre che il grande alpinista che ha conquistato il K2 il 31 luglio 1954. Fu lui, assieme a una cordata di amici, ad avviare lo sci nel comprensorio delle Cinque Torri, con la costruzione di due seggiovie e dei rifugi Bain de Dones e Scoiattoli.
Marco Dibona