scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
30/01/2021

Corruzione e turbativa, via al processo

Il Messaggero

Corruzione e turbativa d'asta per l'appalto dei rifiuti al Comune di Cervaro: il processo partirà il 18 febbraio prossimo. A processo l'ex sindaco Angelo D'Aliesio, l'ex vice sindaco e assessore Gino Canale, l'ex assessore Vincenzo Ricciardelli, il responsabile dell'ufficio tecnico Pucci e l'imprenditore di Veroli, Alfredo Coratti.
L'operazione portata a termine dai carabinieri del Nipaf di Frosinone diretti dal maggiore Vitantonio Masi, sotto il coordinamento del Pm della Procura di Cassino, il dottor Emanuele De Franco, risale al 4 giugno 2019. Tutta l'inchiesta ruota attorno alla società Tac Ecologica dell'imprenditore Coratti che, nel 2017, si aggiudicò la gara d'appalto per la raccolta e gestione del servizio rifiuti. In particolare D'Aliesio, il Ricciardelli e Canale si sarebbero adoperati affinché la società di Coratti, esclusa alle prime due gare indette si aggiudicano l'appalto alla terza gara, pur avendo presentato un'offerta ritenuta anomala dalla Commissione di Gara. Pucci, Rup della gara, pur a conoscenza dell'offerta anomala segnalata dalla Commissione, avrebbe evitato di attivare le dovute procedure finalizzate alla contestazione dell'irregolarità, procedendo all'affidamento dell'appalto alla società Tac Ecologica.
Il pool della difesa è composto, tra gli altri, dall'avvocato Giampiero Vellucci, Paolo Marandola, Giuseppe Di Mascio e Sandro Salera.
© RIPRODUZIONE RISERVATA