scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
13/07/2021

Contro Pediatria 600 firme dagli «irriducibili» La gara vale 36,7 milioni

Corriere del Veneto - (d.d'a.)

Il nuovo complesso e il fronte dei contrari
Il bando vero e proprio, come annunciato due giorni fa dal direttore generale dell'Azienda Ospedaliera, Giuseppe Dal Ben, sarà pubblicato domani o al più tardi martedì. Ma leggendo una delibera fatta approvare il 7 luglio scorso dallo stesso Dal Ben, già si sa che l'ammontare della base d'asta per provare ad aggiudicarsi l'appalto per la realizzazione della nuova Pediatria nell'ala est dell'ospedale di via Giustiniani, sarà di 36 milioni e 700 mila euro. Dopo qualche tentennamento, insomma, i vertici dell'Azienda tirano dritto, nella speranza di veder costruita l'opera (sette piani per quasi 20 mila metri quadri di superficie con 155 posti letto pronti a raddoppiare fino a 310 con quelli dei familiari dei bambini ricoverati) entro la fine del 2023. Nel frattempo, i cittadini da sempre contrari alla realizzazione della nuova Pediatria in quell'area di via Giustiniani, a due passi dalle mura cinquecentesche, tornano alla carica. Dopo l'esposto (tuttora fermo in procura) contro la presunta irregolarità dell'iter che ha portato alla ratifica del progetto definitivo, in pochi giorni hanno raccolto quasi 600 firme per stoppare la pubblicazione del bando. Firme che ieri due dei principali animatori della protesta (l'ex deputata dei Ds, Luisa Calimani, e l'architetto Vittorio Spigai) hanno recapitato, tra gli altri, al presidente della Regione, Luca Zaia, al sindaco Sergio Giordani, alla rettrice (entrante) dell'Università, Daniela Mapelli, al soprintendente Fabrizio Magani e al ministro della Cultura, Dario Franceschini: «Stiamo parlando di un edificio più grande del Palazzo della Ragione, alto 40 metri e lungo 95 - si legge nell'appello - Fermate questo scempio prima che sia troppo tardi».

Foto: Il confronto Il Salone sovrapposto a Pediatria, disegno diffuso dai contestatori