scarica l'app
MENU
Chiudi
21/05/2020

Contributi straordinari per l’affitto: arrivate oltre 700 domande

QN - La Nazione

Palazzo Gambacorti
Sono oltre 700 le domande ricevute dal Comune di Pisa per il contributo straordinario per l'affitto legato all'emergenza Covid. Il bando è scaduto alla mezzanotte di lunedì 18 maggio e gli uffici stanno ancora terminando il lavoro di ricezione e protocollazione delle domande, che permetterà di individuare il numero esatto dei partecipanti. In tutto 530mila le risorse da distribuire tra i cittadini in difficoltà economica, fra il contributo deliberato dall'amministrazione comunale e le risorse assegnate al Comune di Pisa dalla Regione. Il bando pubblicato dal Comune lo scorso 28 aprile era rivolto a lavoratori dipendenti e a lavoratori autonomi, che in conseguenza dell'emergenza Covid avessero cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro con una riduzione del reddito di almeno il 30% rispetto ai corrispettivi mesi del 2019. Tra i requisiti di accesso figurava la residenza nel Comune di Pisa, essere titolari di contratto di locazione legalmente registrato e avere un ISE non superiore a 28.684,36 euro per il 2019. «I requisiti - spiega l'assessore alle politiche sociali e abitative Gianna Gambacini - sono stabiliti dalla Regione, tramite specifica deliberache ha stanziato il contributo di 380mila euro per la città di Pisa, a cui abbiamo aggiunto altri 150 mila euro, come un ulteriore segnale di sostegno ai pisani in difficoltà. Chi è venuto nei giorni scorsi a protestare sotto il Comune per lamentarsi del fatto che rimanevano escluse alcune categorie come studenti e precari, ha sbagliato indirizzo. La necessità di fissare tempi contingenti di chiusura del bando è stata dettata dalla fase di emergenza, che ci obbliga a fornire risposte concrete in tempi rapidi. Gli uffici hanno lavorato a pieno ritmo per accelerare l'iter e velocizzare l'istruttoria, per liquidare prima possibile i contributi, che arriveranno a cittadini già da giugno. Sempre per questo motivo abbiamo anticipato anche i tempi di erogazione del contributo ordinario per l'affitto, quest'anno liquidato in anticipo rispetto alla norma».