scarica l'app
MENU
Chiudi
12/12/2018

Contributi per rifare le facciate La richiesta entro il 21 dicembre

QN - La Nazione

CASTELFIORENTINO INTERESSATI GLI EDIFICI DELLE VIE CENTRALI
C'E' TEMPO fino al 21 dicembre per presentare la domanda che dà diritto a contributi a fondo perduto per rifare la facciata degli edifici che si trovano in centro storico. I contributi verranno erogati fino al 50% delle spese (con un tetto massimo di 5.000 euro a progetto). E' stato pubblicato sull'albo pretorio il bando e il fac simile della domanda per ottenere i contributi, che dovrà pervenire al Comune entro il termine tassativo del 21 dicembre prossimo. La notizia - tramite il suo profilo social - è stata riportata anche dal sindaco castellano Falorni, che ha ricordato lo stanziamento di 35.000 euro dal bilancio 2018 allo scopo di offrire un supporto immediato al miglioramento della qualità dell'estetica e del decoro urbano nel centro storico. Il bando pubblicato contempla i criteri per l'assegnazione dei contributi finalizzati alla realizzazione di interventi di manutenzione e restauro delle facciate degli edifici in un'area predeterminata, rappresentata da apposita planimetria (in allegato al bando stesso) che coincide con il centro storico del capoluogo, alto e basso. L'importo del contributo erogabile per ogni singolo intervento è fissato al 50% delle spese rendicontate (Iva esclusa) con un massimo erogabile di euro 5.000. «Credo che insieme al lavoro che stiamo facendo e stanno facendo in tanti nel centro storico - sottolinea Falorni - sia altrettanto importante un'azione da parte dei privati per la riqualificazione delle facciate ammalorate che si trovano nella stessa area. Pertanto, il bando può rappresentare un impulso per dar vita a un po' di movimento in quella direzione, utile in ogni caso al percorso complessivo che abbiamo intrapreso per la riqualificazione del centro storico». Le domande di contributo possono essere presentate dai proprietari o anche da altri soggetti delegati, ad esempio amministratori di condominio.