scarica l'app
MENU
Chiudi
23/01/2021

Contributi alle società sportive, questione aperta…

QN - Il Resto del Carlino

NOI POLESANI
Contributi alle società sportive, questione aperta. «I modi di dire sono sempre d'attualità - interviene Andrea Bimbatti, vice commissario Forza Italia di Rovigo - e pensando al detto che "chi va con lo zoppo impara a zoppicare" mi vengono in mente l'assessore Alberghini e il sindaco Gaffeo. L'assessore ha ben imparato dalla sua guida politica, ed ogni volta che interviene pubblicamente lo fa per affermare che eventuali meriti per un'iniziativa sono suoi mentre se qualcosa non funziona le colpe sono di altri, magari degli uffici. E' il caso dei contributi alle società sportive (Rovigo Calcio non è tra i beneficiari, utile sottolinearlo) che perverranno dopo dieci mesi dalla pubblicazione del bando, andando quasi a perdere un anno, considerando che dovrebbe già essere pronto il nuovo bando, perché è giusto sottolineare che nonostante gli stop forzati dovuti al Covid, le società hanno comunque dovuto far fronte alle spese, soprattutto chi gestisce impianti sportivi comunali. Invece di ringraziare gli uffici di ragioneria per aver messo a disposizione una cifra maggiore rispetto al bando precedente perde tempo a lamentarsi dei ritardi, annunciando ogni quindici giorni bonifici che non arrivano. Assunto che alle polemiche preferisco le proposte, sarebbe interessante sapere se il bando verrà riproposto e in quali tempi per il 2021, soprattutto in previsione di ciò che tutti auspichiamo, la ripresa delle attività sportive, nei campi ma anche nelle palestre che significa costi anche importanti a carico delle società. Dato che anche il sindaco ha annunciato grandi disponibilità economiche, ed essendo l'Alberghini delegata anche all'associazionismo, credo sarebbe buona cosa predisporre un capitolo di bilancio affinchè si azzerino per il 2021 i canoni di locazione che le associazioni no profit pagano al Comune e contestualmente prevedere la gratuità dell'utilizzo degli impianti sportivi (palestre etc) alle società sportive che normalmente versano tariffe di utilizzo».