scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
03/08/2021

Contributi alle imprese piegate dalla pandemia

Il Tirreno

È previsto un finanziamento da 80mila euro alle aziende con sede a Cascina che dimostrino una perdita di fatturato il bando del comune
cascina. L'amministrazione comunale ha pubblicato venerdì un bando destinato alla concessione di contributi a fondo perduto per sostenere le imprese cascinesi per la perdita di fatturato e nuove aperture nel periodo di pandemia. Il bando, che ha una dotazione finanziaria prevista di 80mila euro salvo rifinanziamento, assegnerà contributi alle attività economiche (commerciali, al dettaglio e all'ingrosso in sede fissa, di somministrazione alimenti e bevande, attività produttive e artigianato di servizio) che al momento della presentazione della domanda di contributo abbiano nel comune di Cascina la propria sede, che non risultino cessate e che dimostrino una perdita di fatturato secondo le modalità indicate nel bando stesso. Il contributo erogato sarà di entità variabile in base alla perdita di fatturato verificatasi.La domanda dovrà essere presentata entro il 28 settembre.Il bando e il modulo di domanda sono scaricabili nella sezione "Amministrazione Trasparente - Avvisi del presente" sul sito web del Comune. «Il contributo a sostegno delle imprese emanato dal Comune di Cascina è una buona notizia e di questo siamo molto soddisfatti». Il presidente di Confcommercio Cascina Marcello Mosca commenta positivamente lo stanziamento di 80mila euro appena varato dalla giunta cascinese per sostenere le imprese danneggiate dalla pandemia. «Ci sentiamo corresponsabili di questa iniziativa, che ci ha visto lavorare fianco a fianco del sindaco Michelangelo Betti, dell'assessore al commercio Bice del Giudice e di tutta l'amministrazione comunale», ammette con soddisfazione il presidente Mosca.«Volevamo che il bando uscisse prima della fine dell'estate, proprio per essere concretamente vicini e dare un minimo di respiro e liquidità a negozi e attività commerciali del territorio. Non ci facciamo illusioni, la crisi e gli effetti negativi della pandemia sono ancora a pieno regime, e le imprese del commercio e dei servizi sono tra quelle più pesantemente colpite», aggiunge Mosca. Nel dettaglio il bando prevede un primo stanziamento di 80mila euro e un contributo a fondo perduto fino ad un massimo di 2.000 euro, in proporzione alla perdite di fatturato, per ciascuna impresa che ne farà richiesta. «Niente discriminazioni basate sui codici Ateco, come si è visto troppe volte in questo anno e mezzo, e soglia abbassata al 20% delle perdite per poter accedere a questo contributo, riservato alle aziende del territorio di Cascina», aggiunge Mosca. «Siamo stati ascoltati, e una delle nostre proposte è stata quella di sostenere tutte le imprese, nessuna esclusa, che hanno subìto perdite significative, indipendentemente dalla tipologia di attività», ribadisce Luca Favilli, responsabile territoriale di Confcommercio: «Siamo consapevoli che il lavoro da fare è ancora lungo, nuovi bandi dovranno essere varati, puntando l'accento sugli investimenti. Ma abbiamo la certezza che questo metodo di leale collaborazione e proficuo dialogo con l'amministrazione comunale è la carta vincente». --© RIPRODUZIONE RISERVATA