scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
29/01/2021

Contributi a ditte e liberi professionisti che hanno avuto un calo del fatturato

Il Tirreno - Anna Cecchini A.C.

Aperto il bando, richieste fino al 26 febbraio. Il Comune ha stanziato 304mila euro, a ogni beneficiario da 500 a 1.500 euro Covid: aiuti economici
ROSIGNANO. Ammonta a 304mila euro la cifra che il Comune ha stanziato, all'interno degli interventi economici legati all'emergenza Covid, per assegnare contributi ad attività produttive e liberi professionisti. Un'operazione annunciata a fine dicembre, che ora è entrata nel vivo con la pubblicazione del bando e dei moduli per presentare richiesta. La scadenza per fare domanda è stabilita per il 26 febbraio prossimo. Già nel mese di dicembre l'amministrazione aveva avuto una serie di confronti con le associazioni di categoria, così da stabilire criteri di accesso ai fondi che fossero il più possibile condivisi. Ecco che il Comune ha stabilito che possono fare richiesta di accesso a questi contributi imprese, negozi e professionisti che abbiano avuto un calo di fatturato documentabile (nell'articolo a fianco spieghiamo i requisiti di accesso, ndr). Si tratta di contributi legati alla diminuzione del fatturato legato al lockdown e alle successive chiusure decise dal Governo per il contenimento del coronavirus. Come viene chiarito nell'avviso «l'ammontare del contributo per ogni beneficiario può variare da un importo minimo di 500 a uno massimo di 1.500 euro sulla base delle richieste e delle risorse disponibili. Il contributo è una tantum e a fondo perduto, ed è soggetto a ritenuta alla fonte (Ires) pari al 4% (Dpr 600/73 art.28 e Risoluzione Agenzia delle Entrate n.494 del 21.10.2020)».Al bando possono partecipare non solo imprese e negozi, ma anche liberi professionisti. A differenza dei contributi erogati durante il lockdown della primavera scorsa, che aveva incluso esclusivamente negozi e imprese, questo nuovo bando è rivolto anche ai liberi professionisti.«Sarà on line da domani (oggi, ndr) - spiega l'assessora a commercio e imprese Alice Prinetti - ed è stato predisposto con collaborazione delle associazioni di categoria, e loro si sono impegnati a dare una mano a imprese e professionisti nella compilazione delle richieste». L'assessora, spiega «l'importanza di includere in questo avviso per l'erogazione di contributi anche i liberi professionisti. Una scelta voluta fortemente dal Comune e appoggiata dalle associazioni di categoria».L'avviso per ottenere i contributi è unico, ma lo stanziamento di 304mila euro viene così suddiviso: 70mila euro destinati ai liberi professionisti, 234mila euro per le attività produttive. Prinetti ricorda che, una volta presentate le richieste, saranno approntate due graduatorie separate.«Se si vanno a sommare 30mila euro del primo contributo - termina l'assessora - questi 304mila e le agevolazioni relative a Tari, Cosap e Icp che sono state previste con la prima manovra relativa al Covid, si arriva a una cifra significativa messa a disposizione per le attività produttive». --Anna Cecchini© RIPRODUZIONE RISERVATA