scarica l'app
MENU
Chiudi
09/07/2020

Conte show per un testo fantasma È l’ennesimo decreto «salvo intese»

Il Tempo - PIERPAOLO LA ROSA

VIA LIBERA AL DL SEMPLIFICAZIONI Il Consiglio dei ministri ha approvato nella notte le modifiche che puntano a rendere più semplici appalti e infrastrutture
L'opposizione attacca. La Meloni: «La farsa continua». E Salvini: «Soltanto chiacchiere» Il presidente del Consiglio «Sono misure concrete che consentono di accelerare sin da subito tante opere che sono strategiche» Gelmini (Forza Italia) «Nell'Italia che corre Palazzo Chigi si muove con la velocità dei bradipi e i cittadini sono in difficoltà»
Il capo dell'esecutivo non ha dubbi e definisce il decreto Semplificazioni approvato con la formula «salvo intese» dal Consiglio dei ministri, al termine di un'estenuante maratona notturna, un «trampolino di lancio per il Paese, per un'Italia più semplice, per un'Italia che corre. Alziamo il livello di velocità, ma fissiamo dei paletti ancora più robusti su trasparenza e legalità, non offriremo spazio agli appetiti criminali», rassicura Giuseppe Conte durante la conferenza stampa di ieri in merito alle infrastrutture inserite nel piano denominato «Italia veloce». Il premier ribadisce che sugli appalti non ci saranno gare per le opere sotto i 150 mila euro e lancia un vero e proprio appello agli amministratori pubblici a «scacciare la paura della firma. Andiamo a colpire - osserva - chi non fa e non chi si assume la responsabilità. Avremo meno scartoffie, meno moduli, un Internet più veloce e annunceremo tra breve un grande progetto in materia di banda larga». Per l'avvocato del popolo si tratta di «misure concrete, che consentono di accelerare sin da subito su 130 opere pubbliche s t r a t e g i c h e : vuol dire cantieri, posti di lavoro, miglioramento della vita nei territori che aspettano da troppo tempo, collegamenti ad alta velocità, nuove strade, scuole e ospedali». Dal presidente del Consiglio ecco, poi, la promessa di «minori file agli sportelli», con i cittadini a cui basterà una App sul cellulare per autocertificazioni, istanze, dichiarazione agli uffici pubblici. Parole che non convincono le opposizioni, le quali anzi vanno decisamente all'attacco. Duro il giudizio di Matteo Salvini: «Da Conte le solite chiacchiere, come sulla Cassa integrazione e i soldi promessi dalle banche», accusa il leader della Lega che prosegue: «Se non si azzerano burocrazia e Codice degli appalti, applicando il modello ponte di Genova a tutti i cantieri italiani, non cambia nulla». Dal canto suo, Giorgia Meloni osserva in una nota: «Decreto Semplificazioni: dal governo e da Conte l'ennesima conferenza stampa fiume per presentare un testo che ancora non c'è. La versione definitiva non è pronta e per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale bisogna attendere un numero indefinito di giorni. L'unica certezza è che il testo supererà le 100 pagine. La farsa c o n t i n u a . . . » , conclude il presidentediFratelli d'Italia. Ironico il commento di Mariastella G e l m i n i : «Nell'Italia che corre (il titolo delle slides di Conte) - sottolinea la capogruppo di Forza Italia a Montecitorio intervenendo in una conferenza stampa a palazzo Madama - il governo si muove con la velocità dei bradipi. E infatti ci troviamo di nuovo a commentare un decreto di cui ancora manca il testo ufficiale. La verità è che gli unici a correre sono gli italiani, i lavoratori, le imprese, i professionisti che stanno combattendo contro i colpi di una crisi senza precedenti (è di oggi la previsione di una riduzione del Prodotto interno lordo per il 2020 superiore all'11 per cento) mentre, secondo Bankitalia, una famiglia su tre ha risorse solo per i prossimi tre mesi. Non c'è un testo ufficiale - conclude ancora la parlamentare -, esistono le slides e Renzi dovrebbe chiedere i diritti a Conte sulla riesumazione di questa nuova fonte normativa che sono le slides di power point». 150 Mila euro Per gli appalti fino a questa cifra non saranno più previste gare ma, ha detto il premier, ci saranno controlli attenti sul rispetto 130 Cantieri Quelli che saranno sbloccati, tra questi: alta velocità Salerno-Reggio Calabria, Palermo-Catania-Me ssina, alta velocità Pescara-Roma

Foto: Conferenza stampa II presidente del Consiglio ha presentato le principali misure del testo approvato dal Cdm. Con lui c'erano il ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli e la responsabile della Semplificazione Paola Pisano