MENU
Chiudi
09/08/2018

Conte parla per un’ora senza dir nulla

Libero - GIULIA SBARBATI

L'avvocato equilibrista
Il discorso pre-vacanze del premier: la sua abilità è non esprimere idee per non offendere nessuno
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è una maschera della commedia all'italiana. È il classico avvocato, un po' azzeccagarbugli, che parla per ore senza dire quasi nulla. Il governo va in vacanza e lui stende un lenzuolo di parole sul futuro prossimo dell'Italia. Ci si rivede in autunno con un calendario di punti di sospensione. LA MANOVRA ECONOMICA È la fiera degli aggettivi. «La manovra sarà seria, rigorosa e coraggiosa e accompagnata da riforme strutturali». Quali? Flat tax e reddito di cittadinanza sono in cima all'agenda di governo. Attenzione, però, il capo del governo avverte che «bisogna essere realisti». «Occorre fare un'attenta ricognizione degli investimenti programmati e delle spese». Insomma per adesso le madri di tutte le riforme economiche restano lì in alto, illuminate, ma sospese. Già da settembre, invece, arriverà «una proposta di riforma del codice degli appalti che possa sbloccare il quadro normativo». Poi si penserà anche alla «semplificazione burocratica e normativa». E gli investimenti di cui parla il ministro senza portafoglio Savona? «Non esiste un piano Savona sugli investimenti, ma un piano del governo sugli investimenti». Poi una rassicurazione per l'Europa: «Non ci sarà alcun deragliamento dei conti pubblici». TAV, ALITALIA E CAPORALATO Su Tav e Tap il governo si prende una pausa di riflessione: «Stiamo valutando tutti gli aspetti, confrontando costi e benefici». Sugli aerei stesso discorso. «Il ministro Toninelli ha già anticipato che vuole conservare in qualche modo una compagnia di bandiera» ma «bisogna misurarsi con le possibilità concrete». Alitalia nel frattempo continua a perdere soldi. Magari c'è un'idea per contrastare il caporalato, una delle questioni spinose dell'estate. Conte rassicura: «La legge c'è ma non viene applicata. Dobbiamo intervenire per rafforzare il quadro delle tutele». Come? Non si sa. VACCINI Sul tema più infuocato dell'estate, quello dei vaccini, secondo Conte «la posizione del governo è chiara» e «per quanto riguarda la scuola dell'obbligo non ci sarà nessuna specifica circolare». L'obiettivo «è garantire la massima tutela della salute e allo stesso tempo garantire il diritto all'istruzione». Anche perché «mio figlio ha fatto tutte le vaccinazioni e questa è la linea anche del governo». IMMIGRAZIONE Il premier ribadisce la linea del rigore: «In questi due mesi di governo siamo tra l'80 e l'85 per cento di sbarchi in meno» che «significa meno rischi per i migranti nell'attraversamento del mar Mediterraneo». Poi ricorda che la Libia è strategica per l'Italia e che Trump è contento di come ci stiamo comportando. RAI E MINACCE A MATTARELLA Sullo stallo che pesa sulla televisione di Stato Conte ha le idee chiare: «La presidenza del Consiglio non ha una formula per uscirne». Poi un applauso a Marcello Foa, presidente senza poltrona: «Ha curriculum di tutto rispetto». Infine rassicura pure Mattarella: «Sto lavorando a stretto contatto con la polizia postale». Al Colle sono tutti sollevati. LA MAGGIORANZA DI GOVERNO «Il clima di lavoro» con Lega e M5s «è molto buono». Conte lo racconta così. «Quando ci riuniamo attorno al tavolo, trovo sempre persone molto ragionevoli, che si confrontano con approccio pragmatico. Il vero cemento e collante di questo governo è rendere gli italiani orgogliosi». Di cosa, non si sa. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore