scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
02/02/2021

CONEGLIANO Al via l’elaborazione del nuovo bando c…

Il Gazzettino

Saranno assegnati anche i 55mila euro rimasti dal primo bando
CONEGLIANO
Al via l'elaborazione del nuovo bando comunale per aiutare le botteghe coneglianesi colpite da lockdown e zone rosse con i 55mila euro avanzati dal primo avviso pubblico, che proprio in questi giorni sta vedendo la liquidazione dei primi bonus da 500 euro l'uno. E intanto il commissario prefettizio fissa i criteri per l'erogazione della nuova tranche di buoni spesa da destinare alle famiglie meno abbienti grazie a un nuovo trasferimento statale.
LA SOMMA
Non rimarrà inutilizzata, ma anzi verrà reinvestita a favore di piccoli commercianti e artigiani della città del Cima, la somma non erogata dal bando che a settembre mise a disposizione 201mila euro per contributi una tantum alle microimprese in difficoltà. Delle 352 richieste giunte in municipio in tempo utile, 60 sono state bocciate perché non in linea con i requisiti richiesti e le altre 292 sono state accolte e stanno ricevendo i 500 euro una tantum, anche se per qualcuno servirà un po' di pazienza in più. Dopo le firme del dirigente del settore gestione del territorio Giovanni Tel, la ragioneria comunale sta emettendo i mandati di pagamento per i primi 274 beneficiari, per complessivi 137mila euro. Per gli altri 18 in regola con i requisiti, invece, i tempi di liquidazione saranno leggermente più lunghi perché il Comune effettuerà verifiche a campione sulle dichiarazioni di regolarità contributiva. Appena terminata questa fase, il municipio liquiderà anche i rimanenti 9mila euro.
E i 55mila avanzati dal primo stanziamento? «Stiamo lavorando per assegnarli attraverso un nuovo bando conferma Tel prima però dobbiamo riallocarli nel bilancio comunale. Poi prepareremo il bando, che vorremmo pubblicare a febbraio e che potrebbe rivolgersi anche ad altri tipi di realtà economiche».
NUOVO PROVVEDIMENTO
Aiuti sono in arrivo non solo per le attività economiche ma anche per le famiglie meno abbienti: il decreto legge del 23 novembre ha rifinanziato i trasferimenti ai Comuni per misure urgenti di solidarietà alimentare. A marzo la prima tranche, già interamente spesa, assegnò a Conegliano 186.779,40 euro, cifra che ora è pronta a raddoppiare. Per rendere il più possibile omogenea la platea dei beneficiari dei buoni spesa si è riunita la conferenza dei sindaci del territorio, che ha condiviso i criteri di massima per le erogazioni. Una delibera del commissario Antonello Roccoberton stabilisce che verrà utilizzata una piattaforma informatica per raccogliere le domande dopo l'approvazione del bando. I servizi sociali potranno valutare eventuali deroghe. (l.a.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA