scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
08/09/2020

Concorso per vigili: il Comune ne assumerà tre subito, gli altri dopo l’esito del contenzioso

Il Messaggero

CASSINO
E' il concorso per vigili urbani a tenere in apprensione il comune di Cassino di fronte ai ricorsi di tre ex agenti che si sono rivolti prima al Tar e poi al Consiglio di Stato per vedersi stabilizzati per aver ricoperto l'incarico tra il 2012 e il 2015 a tempo determinato. Il Tar ha rigettato il ricorso ma il Consiglio di Stato ha accolto l'istanza cautelare riconoscendo, però, la non obbligatorietà dell'assunzione essendo facoltativa. Ma la scelta di fare il concorso va motivata. E per questo il comune ha incaricato i propri legali i quali hanno già preparato il documento difensivo inviato sia al Tar che entrerà nel merito nell'udienza del prossimo 23 settembre e al Consiglio di Stato. Nel frattempo la dirigente dell'area finanziaria Monica Tallini ha preso atto dell'ordinanza del Consiglio di Stato. E nella determina precisa: «che il Comune di Cassino, all'esito della conclusione del concorso di cui al Bando richiamato (e in relazione ai sei posti messi a concorso), procederà all'assunzione di tre unità di personale e provvederà all'assunzione delle ulteriori tre unità di personale solo all'esito delle statuizioni giurisdizionali rese nell'ambito del giudizio di cui al ricorso del TAR del Lazio. Comunque il Comune di Cassino si riserva, in ogni caso, di non procedere in tutto o in parte alle assunzioni dei vincitori qualora intervenissero normative vincolistiche o chiarimenti interpretativi ostativi alle assunzioni medesime, anche in materia di vincoli di bilancio o di natura finanziaria, tenuto conto delle esigenze organizzative dell'Amministrazione».
E precisa ancora: «il presente bando non vincola in alcun modo questa Amministrazione, che pertanto si riserva la facoltà di modificarlo, prorogarlo, sospenderlo o revocarlo, a suo insindacabile giudizio, senza che alcuna pretesa o diritto possano essere avanzati dai candidati».
Nel frattempo i consiglieri comunali di minoranza Giuseppe Golini Petrarcone, Massimiliano Mignanelli e Salvatore Fontana, hanno presentato una interrogazione al presidente del Consiglio Comunale di Cassino per conoscere le iniziative e gli atti consequenziali che l'Amministrazione Comunale intende adottare, al fine di evitare il rischio che le procedure concorsuali, per effetto dell'Ordinanza del Consiglio di Stato, vengano inficiate, con indubbio danno per i partecipanti e danno erariale per l'Ente. Lo svolgimento dei sette bandi per 23 posti è previsto per fine mese.
TEATRO MANZONI, LA FIRMA
Intanto ieri è stato firmato il contratto di gestione del teatro Manzoni tra Comune e la società RadioCassinoStereo aggiudicataria della relativa gara d'appalto. Arriva così a conclusione la lunga fase del bando di gara, protratta anche dal blocco determinato dal Covid19. Si tratta di un decisivo passaggio verso la riapertura del Manzoni che ridarà alla città una importante struttura chiusa da troppo tempo. Come da contratto, il nuovo gestore dovrà iniziare subito lavori di restauro e di messa in sicurezza al fine di ottenere, poi, il parere per lo svolgimento degli spettacoli dalla Commissione di Vigilanza.
Domenico Tortolano