scarica l'app
MENU
Chiudi
13/02/2020

Concessioni, dal Mef alt a modifiche Password digitale Pa, salta la riforma

Il Sole 24 Ore - M. Mo.

IL PROVVEDIMENTO ALLA CAMERA
Nelle società pubbliche riparte il censimento degli esuberi
roma

Nessuna modifica all'articolo 35 del milleproroghe sulle concessioni autostradali. Mentre nelle Commissioni Bilancio e Affari Costituzionali si consumava la battaglia tutta interna alla maggioranza con Italia Viva che ha votato con le opposizioni (senza successo) su un possibile rinvio della riforma Bonafede sulla prescrizione, dal Mef ufficiosamente è arrivato lo stop a qualsiasi tipo di intervento sulle concessioni autostradali, dalle possibili modifiche alla cancellazione di tutto l'articolo 35 chiesta sempre da Iv. Dal Mef si attendono ancora il possibile rinvio della Rc familiare così come le coperture per far salve le detrazioni fiscali al 19% pagate in contanti da inizio anno.

Italia Viva nelle riunioni di maggioranza ottiene, invece, il ritiro dell'emendamento con cui il Governo puntava a riformare il sistema Spid per l'identità digitale. L'idea di fondo era quella di trasferire la gestione allo Stato e in particolare al ministero dell'Interno, ma a pesare sarebbero state le perplessità degli attuali gestori privati sulle modalità del cambio della "governance" dello Spid. Un fuoco incrociato che ha fatto slittare ancora l'approdo in Aula del decreto legge ormai ipotizzato per venerdì prossimo.

Tra le poche approvazioni di ieri, nei tentativi di razionalizzazione delle società partecipate, si riprova ad affrontare il problema del personale. Dal 2020 al 2022 le società a controllo pubblico dovranno effettuare una ricognizione dei propri organici alla ricerca di eventuali esuberi, che dovranno essere gestiti con la mobilità a livello regionale. La stessa disciplina si applicherà ai dipendenti dei consorzi e delle aziende speciali già messe in liquidazione in applicazione della riforma Madia.

Nel pacchetto di correttivi approvati va segnalato anche l'ennesimo rinvio del curriculum dello studente. L'arrivo del documento allegato al diploma che doveva contenere l'elenco delle competenze formali e informali acquisite dagli studenti slitta ancora di un anno. Se ne parlerà infatti nel 2020. Fermo restando che non potrà comunque rivelare i risultati dei test Invalsi svolti dall'alunno.

In materia di appalti, invece, viene previsto che i soggetti pubblici e privati titolari di concessioni di lavori o di servizi pubblici già in essere avranno più tempo per mettersi in regola con le nuove norme del codice degli appalti che li obbliga a bandire, per l'80% dei contratti di lavori, servizi e forniture sopra i 150mila euro, gare di appalto. Nulla cambia invece per le concessioni autostradali e come prevede il codice degli appalti il termine resta il 31 dicembre 2020.

Con un emendamento di Forza Italia vengono estese le funzioni e i compiti dei magistrati onorari in servizio fino al 15 agosto 2025 . Approvato anche il rinvio a giugno 2021 delle graduatorie dei concorsi per assistente giudiziario e l'assunzione di 1.095 unità di personale amministrativo giudiziario con contratti a tempo determinato di massimo un anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

25%

PREMI RC AUTO

IN CALO

La media della riduzione registrata dai premi tra il 2012 e il 2019 in virtù delle campagne per ridurre i costi, come ad esempio il contrasto alle frodi

Rinviato al prossimo anno scolastico il curriculum dello studente per segnalare le competenze