scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
10/03/2021

Con Artes rete di 330 aziende

Il Sole 24 Ore - Silvia Pieraccini

Competence center / 1. I piani del Centro del Sant'Anna di Pisa
Il direttore Vatta: adesso vogliamo anche aiutare le imprese a portare i prodotti sul mercato
«Il livello tecnologico delle Pmi italiane? È ancora basso». Lorna Vatta, direttore esecutivo di Artes 4.0, il centro di competenza nazionale creato nella primavera 2019 dal ministero dello Sviluppo economico - e coordinato dalla Scuola superiore Sant'Anna di Pisa - per diffondere nel sistema economico la robotica e l'intelligenza artificiale, negli ultimi due anni di piccole e medie aziende ne ha viste parecchie. Convincendosi che c'è molto da fare per "accompagnarle" nell'utilizzo di tecnologie avanzate per rendere più efficienti i processi produttivi, ma consolandosi per aver costruito una "ragnatela" in grado di catturarle e stimolarle.

Si tratta di una rete formata da ben 127 soci-partner, tra cui 13 Università, 99 aziende, associazioni di categoria e Digital innovation hub, che opera in sette regioni dando vita a "nodi" di conoscenza diffusa. Questa rete ha generato la partecipazione di 330 aziende da tutta Italia, per oltre il 70% Pmi, ai tre bandi pubblicati da Artes tra il novembre 2019 e il luglio 2020 per finanziare l'innovazione. L'arrivo della pandemia ha rivoluzionato le carte, tanto che due dei tre bandi hanno avuto come focus il Covid e le tecnologie per aiutare la sanificazione. «Ricevere circa 100 proposte per ciascun bando è un buon risultato e configura un vero boom», spiega il direttore esecutivo di Artes.

I 330 progetti presentati hanno un valore complessivo di 89 milioni, anche se le risorse ministeriali (3,5 milioni a fondo perduto) basteranno per finanziarne solo 26. Tra i progetti finanziati (al 50%) c'è quello di un gruppo di aziende toscane dei settori enogastronomia, turismo e moda che, con la Camera di commercio di Pisa, puntano a creare un video immersivo in 3d per smartphone in grado di diventare un negozio virtuale: nel breve termine l'obiettivo è vendere i prodotti, nel medio-lungo termine è attirare turisti in Toscana.

Accanto ai bandi, Artes sta sviluppando webinar, formazione, consulenza e accompagnamento, grazie al budget ministeriale di 7,1 milioni in tre anni per la progettazione e l'avviamento del Centro, cui si aggiungono contributi in natura (per 17,7 milioni nel triennio) rappresentati da software, macchinari, attrezzature, risorse umane e 1,8 milioni di contributi cash.

«Il modello è interessante - spiega Vatta - perché mette insieme tante competenze diverse con l'obiettivo di dare un servizio alle aziende. Il fatto di non essere una società di consulenza che deve fare profitto, ma di avere come obiettivo solo quello di stimolare l'innovazione ci rende originali. E anche se è fuori dal nostro mandato, ora vorremmo aiutare le aziende a mettere sul mercato le loro innovazioni».

E per il futuro? A due terzi del cammino (ministeriale), Artes guarda oltreconfine puntando a diventare "European digital innovation hub" finanziato con risorse europee e nazionali: per farlo dovrà vincere la gara europea attesa per marzo-aprile, in vista della quale sono in corso prove tecniche di aggregazione tra i 45 soggetti nazionali che sono stati selezionati dalla cabina di regìa ministeriale. «Artes non chiuderà nel 2022, al termine del triennio previsto dal ministero - conclude Vatta -. Siamo riusciti a far partire la rete di otto competence center nazionali formando il personale, aprendo i laboratori universitari, avvicinando cinquemila persone a tematiche che mettono in moto il cervello: ora vogliamo accompagnare le innovazioni delle aziende sul mercato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il trend di crescita in Italia dal 2015 dell'industria 4.0 Valori in miliardi di euro 2015 2016 2017 2018 2019 ~9,3 ~1,7 +25% I Il valore e i tassi di crescita dei principali comparti di industria 4.0 Internet degli oggetti (livello industriale) Analisi dei dati Servizi Manifattura additiva Automazione avanzata Interfaccia uomo-macchina Cloud manufactoring +22% +19% +17% +18% +17% +25% +21% I Fonte: Osservatorio Industria 4.0-Politecnico di Milano

Foto:

Il fatturato


Foto:

I settori