scarica l'app
MENU
Chiudi
19/11/2019

Comune, servono almeno dieci assunzioni

Il Messaggero

OCCORRONO VIGILI URBANI NELLE STRADE, IMPIEGATI E ANCHE OPERAI. PRESTO LA RICHIESTA AL MINISTERO
CASSINO
Assunzioni urgenti al comune di Cassino per far fronte alla continua fuoriuscita dei dipendenti per i pensionamenti in corso. Ed emorragia anche tra i vigili urbani. Il sindaco Enzo Salera intende accelerare dopo il parere favorevole del ministero dell'Interno al bilancio riequilibrato anche se con alcune prescrizioni. Domani definirà con la segretaria comunale il piano assunzioni per l'arrivo immediato di personale attraverso la mobilità esterna o attraverso le graduatorie dei bandi di concorsi già conclusi da parte di altri comuni. Entro fine dicembre si intende assumere una decina di persone tra cui cinque vigili urbani. Infatti il corpo della polizia locale è ridotto all'osso ed anche molti uffici stanno per rimanere senza impiegati e mancano anche gli operai al settore manutenzione. Perché tra quota 100 e il normale raggiungimento dell'età pensionabile i dipendenti sono scesi a meno di 160 rispetto all'organico previsto di 209. Il documento sarà inviato subito al ministero dell'Interno per avere l'approvazione per le prime assunzioni. Poi per il resto se ne parlerà con il nuovo anno. E in merito alla polemica della minoranza sulla interruzione del servizio riscossione dei tributi da parte di una società privata per scadenza del contratto dal comune fanno sapere che non c'è alcun rischio di perdita economica. Perché il servizio viene gestito ora dallo stesso ufficio tributi come era prima. Il bando di gara per un nuovo appalto è stato inviato alla stazione unica appaltante presso la Provincia. La ditta che gestiva il servizio non ha accettato la proroga richiesta dal comune lasciando senza lavoro otto persone. La loro riassunzione, però, è stata inserita nel bando della nuova gara d'appalto come clausola di salvaguardia. Intanto al mercato settimanale dell'abbigliamento del sabato in piazza Miranda è tornata l'invasione degli ambulanti abusivi, soprattutto stranieri. Nei mesi estivi a seguito di un costante controllo da parte della Polizia locale il fenomeno si era azzerato e tutti i venditori autorizzati si erano messi in regola con la Tosap per il 2019. Ora è bastato qualche sabato di riduzione del controllo che sono tornati gli ambulanti nordafricani ed anche del napoletano ad occupare gli spazi sena alcun permesso e senza pagare l'occupazione del suolo pubblico. Sabato prossimo riprenderanno i controlli.
Domenico tortolano