scarica l'app
MENU
Chiudi
05/06/2019

Compromesso 5S-Lega sullo sblocca-cantieri Oggi la “sentenza” Ue

Gazzetta del Sud

La crisi di governo resta in stand-by
Certificato il peggioramento del saldo strutturale e il"bu co" di 11 miliardi
ROMA La frenata arrivaa un passo dal burrone. Luigi Di Maio telefonaa Matteo Salvini: sediamocia un tavolo- gli dice-, evitiamo la crisi.È la prima volta che si parlano davvero, dopo settimane di gelo.È la «premessa» per andare avanti, plaude Giuseppe Conte. Di sicuro permette di sbloccarel' impasse sui decreti crescitae " sblocca cantieri", che stanno per scadere. Si sigla una difficile mediazione, in serata ancora oggetto di limature, sulla sospensione di alcune norme del codice degli appalti. Sulla proposta della Lega siè sfiorata la crisi.I due vicepremier si vedranno «nelle prossime 48 ore», poi venerdì con il premiere in Consiglio dei ministri. La crisi nonè certo ancora sventata. La deadline sembra fissarla,a parole almeno, Salvini: quindici giorni per capire se ci sonoi margini per proseguire. Bisogna fare «presto» chiarezzae mettere al riparoi conti pubblici, sollecita il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, preoccupato perl' andamento dell' economia ma anche dalla necessità per il governo di indicare una figura autorevole alla Commissione europea. Il Capo dello Stato lo dice-a quanto riferiscono fonti parlamentari-a Di Maio, in un colloquio al Quirinale, intorno alle 12. Il vicepremier prova a rassicurarlo: il M5S vuole andare avantie anche Salvini dice di voler proseguire, spiega Di Maio riferendo della telefonata col leader della Lega. I pentastellati continuanoa sospettare cheil leghistavoglia inrealtà far saltare tutto ma il tentativo di ricucireè in corso.E potrebbe passare da un rimpasto che rimetta in discussione gli incarichi di ministri come Giulia Grilloo Danilo Toninelli. La situazioneè più che precariae la preoccupazione che trapela dal Colleè tutta puntata sui conti pubblici.È attesoa ore da Bruxelles- certificato il peggioramento del saldo strutturalee il" bu co" di 11 miliardi- l' avvio della procedurad' infrazione ai danni dell' Italia: Contee Tria apriranno una trattativa assai difficile. E, per negoziaree poi affrontare una manovrad' autunno delicatissima, il presidente del Consiglio- come ricorda Di Maio- ha posto come condizione imprescindibile la «coesione»delgoverno. Sicapiràdavverose le condizioni ci sono entro fine giugnoe comunque- osservano in casa M5S- non prima dei ballottaggi che vedono Salvini superimpegnato. Pagine2e3

Foto: Il Presidente Mattarella e, sullo sfondo, Di Maio. Fari puntati sui conti pubblici