scarica l'app
MENU
Chiudi
16/10/2019

Commercio, esame trasparenza sui bandi Iacovacci: «Troppi ritardi». Nargi: «Criteri ok»

Il Mattino

CONFRONTO TRA MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE ANCHE SUL SUMMER FEST «LE DELIBERE SARANNO VAGLIATE»
IN CONSIGLIO
La commissione Trasparenza è pronta a passare al setaccio le procedure di adesione ai due bandi per il Commercio appena pubblicati. Nel frattempo, l'amministrazione di Piazza del Popolo ha attivato lo sportello informativo per i partecipanti, che ieri è stato già subissato di richieste. Il punto sarà attivo il martedì e giovedì, dalle ore 10 alle 12, presso lo sportello numero 2 dell'Anagrafe, al piano terra di Palazzo di Città.
Proprio le due misure valide sui fondi europei del progetto Pics per il rilancio delle attività al centro città sono state al vaglio della prima riunione della commissione Trasparenza, che proseguirà oggi pomeriggio alle 15 centro in un nuovo appuntamento. «Abbiamo convocato il vicesindaco Laura Nargi - spiega il presidente Ettore Iacovacci - e il dirigente al ramo perché vogliamo sapere quali saranno le procedure attraverso le quali si potrà garantire un accesso ai bandi meritocratico e trasparente. Ma anche sugli appalti del Pics continua vogliamo vederci chiaro. Nello specifico lamenta il capogruppo democrat vogliamo anche comprendere perché le imprese con più di 24 mesi saranno escluse dai bandi per il commercio e come mai ci siano stati tanti ritardi sulla pubblicazione delle due misure». I bandi, come è ormai noto, prevedono due linee di finanziamento, da 1,2 milioni e 900.000 euro, con contributi a fondo perduto fino a 70.000 euro per ogni attività ammessa. Anche sull'erogazione di questi importi, la commissione vuole fissare alcuni paletti. «Bisognerà capire spiega Iacovacci - quante domande perverranno. Se ci saranno molte richieste, starà all'amministrazione decidere se tenere dentro tutti abbassando gli importi o erogare somme più elevate a pochi».
Dopo aver destato grande interesse, insomma, i bandi per il commercio saranno particolarmente attenzionati. Il via libera per le adesioni è appena scattato ufficialmente con la pubblicazione sul Burc regionale. E si potrà partecipare fino al prossimo 18 novembre. Dal canto suo, il vicesindaco con delega al Commercio, Laura Nargi, assicura: «Sul fatto che il merito e la trasparenza rappresenteranno i criteri di fondo per la selezione delle proposte progettuali da parte degli uffici non ci sono dubbi. Ben venga l'attenzione della commissione Trasparenza. Se al suo interno si potrà trovare un metodo per condividere ogni passaggio, io sarò ben lieta di farlo». Contestualmente, sotto la lente della commissione Trasparenza ci saranno gli affidamenti della rassegna «Avellino Summer Fest». Secondo il metodo stabilito ieri dall'organismo, poi, tutte le delibere approvate a partire da luglio, saranno vagliate per tre alla volta: «Ci riuniremo spiega ancora Ettore Iacovacci ogni martedì e mercoledì. Le questioni che meritano un approfondimento, a nostro avviso, sono diverse.
Nel pomeriggio, si è riunita invece la commissione Urbanistica, presieduta da Gianluca Gaeta. All'appuntamento ha preso parte anche l'assessore al ramo, Emma Buondonno, è stato deciso di avviare due operazioni propedeutiche ad una revisione del Piano urbanistico comunale. «Valuteremo spiega Gaeta la congruenza tra il Piano territoriale di coordinamento provinciale e il Piano urbanistico comunale di Avellino, e l'adeguamento del regolamento comunale per l'edilizia alla normativa nazionale». Nel merito delle modifiche al Piano Urbanistico si entrerà nelle prossime riunioni della commissione: «Ferma restando la necessità di preservare gli spazi verdi anticipa l'assessore Buondonno c'è anche molto costruito che va riqualificato ed utilizzato».
f. c.
© RIPRODUZIONE RISERVATA