scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
18/02/2021

Come cambia la zona di Messina 2

Gazzetta del Sud

Dopol' avvio dei lavori di ampliamento della via Salita Contino, consegnati anche gli interventi di pubblica illuminazione
De Luca: «Così" riaccendiamo la città" ».E rientra anche il progetto di Montesanto «Siamo intervenuti dopo che la Giunta Accorinti aveva previsto il distacco dei punti luce»
LucioD' Amico Il9 febbraio erano stati consegnatii lavori di ampliamento della strada. Ieri siè aperto il cantiere per la ristrutturazionee riqualificazione energetica dell' impianto di pubblica illuminazione. Il primo appalto ha un costo di 350 mila euro, il secondo di quasi 120 mila. Con un investimento di meno mezzo milione di euro, si cambia il volto di un' arteria che collega uno dei quartieri residenziali più popolosi della città. Ci riferimano alla via Salita Continoe al grande complesso edilizio Messina 2, dove risiedono oltre 500 famiglie, circa duemila persone. Fino ad oggi questa zonaè stata servita da una strada-budello edè rimasta immersa nella più totale oscurità, simbolo di politiche di urbanizzazione stolte, per non dire scellerate, attuate nei decenni passat i. L' Amministrazione comunale provaa rimediare ai guasti del passatoe lo fa con un duplice intervento, come ha sottolineato ieri il sindaco Cateno De Luca durante la consegna dell' area di cantiera all' impresa aggiudicataria. «Questo progetto- dichiara De Luca- fa parte del più ampio programma" Riaccendiamo Messina" intrapreso dalla mia Giuntae che nell' ultimo anno ha riportato la luce nelle vie cittadine, negli spazi pubblicie sulle facciate dei monumenti,e che continuerà con interventi già programmati che saranno avviati nei prossimi mesi». Perché questa storiaè così importante, ed emblematica? Lo ricorda lo stesso De Luca: si tratta di una lottizzazione avviata dalla società Immobiliare Montesanto Spa. agli inizi degli anni Ottantae che, di fatto, non siè mai conclusa a distanza di 40 anni.L' impianto di illuminazioneè stato in parte vandalizzato negli anni 2000e disattivato nel 2014a seguito della delibera n. 453 della Giunta Accorinti, che prevedeva il distacco di circa 1200 punti luce in aree private. «Il 27 ottobre 2020 abbiamo revocato quella delibera,a seguito di una nuovae diversa valutazione dell' interesse pubblico consistente nel ripristinarel'illuminazione in quei tratti di strada ricadenti in aree di proprietà privatao di altri enti pubblici come Iacp, che tuttavia presentanoi requisiti presuntivi dell' uso pubblico. Si tratta di strade urbanizzate che vengono attraversate dal trasporto pubblico localee che pur essendo di proprietà privata sono diventate parte integrante della rete cittadina, del traffico pedonalee veicolare,e per le quali vanno comunque garantiti gli standard minimi riguardol' illuminazione stradale per una questione di sicurezzae di ordine pubblico». Sta cambiando, come detto, l' intera zona. Perchéa monte della Salita Contino, vi sonoi famosi-famigerati serbatoi Montesanto che vennero costruiti coni soldi della Cassa del Mezzogiorno.O meglio, il" Montesanto1", venne finanziato ma mai completato (furono realizzate solo le fondazionie le travi di delimitazione del serbatoio stesso con le tubazioni di adduzione). Le strutture vennero abbandonate,c'è chi vi costruì costruzioni abusive, chi baracchee chi stalle. Nell' aut unno scorso il sindaco ha effettuato un sopralluogo, annunciando l' imminente avvio dei lavori per un imporo di oltre4 milioni di euro. La garad' appaltoè stata assegnata nel maggio 2020 all'imp resa Domenico Majolino Srl-Vincenzo La Valle. Comeè noto,l' avvio dei lavoriè stato rallentato dalle vicende finanziarie che hanno riguardatol' Amam, con il blocco dei conti avvenuti nella scorsa estatea causa del mancato pagamento delle bollette della luce. La situazione siè poi sbloccatae anche su quel fronte gli interventi sono in corsod' opera. Secondo il capitolatod' appalto,i lavori dovrebbero essere completati entro 540 giorni. Il serbatoio verrebbe utilizzato finalmente per potenziare la dotazione idrica della città e, nello stesso tempo,l' area abbandonata sarebbe riqualificata. Tre opere, dunque, ampliamento della strada, illuminazionee realizzazione del Montesanto 1, destinatea trasformare un intero quartiere, dopo decenni.

Foto: La consegna dei lavoriL' impresa aggiudicatariaè la Costruzioni Generali