scarica l'app
MENU
Chiudi
08/02/2020

Colonnine di ricarica, il progetto attende la rete di nuova generazione

La Stampa - S. ZO.

Cinque i punti indivisuati sul territorio
E' al palo, al momento il progetto colonnine elettriche. La rete per la ricarica veloce di auto, motorini e biciclette di nuova generazione in arrivo a Biella prevede 5 postazioni che saranno attivate da Enerbit, la partecipata della Provincia, mentre per le altre è stato pubblicato un bando che si chiuderà nei primi giorni di marzo. In realtà le prime 5 sarebbero dovute essere installate in ottobre e quindi già in funzione. Iren, la società che le dovrebbe fornire, ha però proposto alla partecipata biellese di mettere un modello di nuova generazione rispetto a quello prospettato inizialmente. «Il bando che avevamo fatto - spiega il presidente di Enerbit Paolo Maggia - risaliva al 2016. Oggi ci ne sono apparecchi più nuovi, quindi metteremo quelli. Saranno prima di tutto geolocalizzabili. Attraverso una app sarà possibile cercare quella più vicina, ma non solo. Anche il pagamento potrà avvenire tramite app o carta di credito». I cinque punti di ricarica saranno attivati in uno spazio fuori dalla sede della Provincia, a Sala, a Sandigliano, Valdengo e a Valdilana. Nel Biellese sono ancora poche le auto elettriche, circa 35 immatricolazioni l'anno. Numeri però destinati a cambiare velocemente. Secondo le previsioni del Politecnico di Torino, nel 2030 saranno 56 mila le auto elettriche a circolare in provincia. Oltre alle 5 posate da Enerbit, altre saranno dunque messe dalla ditta che vincerà il bando che si chiuderà nei primi giorni di marzo. Nel dettaglio, la società che vincerà il bando dovrà installare dalle 150 ad un massimo di 700 colonnine entro il 2030 a sue spese e impegnarsi a gestire la rete per 20 anni, mentre l'energia utilizzata dovrà provenire da fonti rinnovabili. La concessione avrà una durata di 20 anni e sarà prorogabile. Se il bando dovesse andare deserto, Enerbit ha già pensato a un piano alternativo: dopo aver fatto una ricerca di mercato, affiderà l'incarico direttamente alla ditta che riterrà più valida. - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: La provincia in attesa delle nuove colonnine di ricarica