MENU
Chiudi
30/09/2018

Codacons: conflitto di interesse Anac potrebbe annullare la nomina

La Gazzetta Del Mezzogiorno

l ROMA. A remare contro la nomina di Andrea Gemme a Commissario straordinario per la ricostruzione del ponte di Genova è l'articolo 42 del codice degli appalti sul conflitto di interesse, che in caso di esposti o ricorsi potrebbe impattare sul ruolo e la funzione che l'attuale manager Fincantieri dovrebbe andare a ricoprire, dal momento che proprio Fincantieri è stata più volte indicata come soggetto che prenderà parte all'opera di ricostruzione. Il primo comma dell'art. 42 stabilisce che «le stazioni appaltanti prevedono misure adeguate per contrastare le frodi e la corruzione nonché per individuare, prevenire e risolvere in modo efficace ogni ipotesi di conflitto di interesse nello svolgimento delle procedure di aggiudicazione degli appalti e delle concessioni». Ma quello centrale è il secondo comma, che stabilisce che il conflitto di interesse si determina «quando il personale di una stazione appaltante o di un prestatore di servizi che interviene nello svolgimento della procedura di aggiudicazione degli appalti e delle concessioni o può influenzarne, in qualsiasi modo, il risultato, ha, direttamente o indirettamente, un interesse finanziario, economico o altro interesse personale che può essere percepito come una minaccia alla sua imparzialità e indipendenza nel contesto della procedura di appalto o di concessione». La norma, quindi, fa riferimento anche alla «percezione» di un vulnus e chiede a chi si trovi nella posizione descritta di «astenersi dal partecipare alla procedura di aggiudicazione degli appalti e delle concessioni». Al momento, a sollevare dubbi è stato il Codacons, affermando che un'eventuale nomina di Gemme «potrebbe essere annullata dall'Anac, l'Autorità nazionale anticorruzione, o portare a ricorsi in tribunale da parte di aziende concorrenti a Fincantieri». Di fatto, se pervenissero segnalazioni o esposti a seguito della nomina, Anac dovrebbe necessariamente avviare approfondimenti in merito e potrebbe rileggere l'assegnazione dell'incarico a Gemme proprio alla luce dell'art. 42 del codice appalti. E anche le dimissioni da Fincantieri poco prima di andare a ricoprire la nuova posizione potrebbero non bastare a fugare quella «percezione» a cui la norma fa riferimento e ad evitare interventi.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore