scarica l'app
MENU
Chiudi
04/03/2020

Cna: “Subito moratoria di almeno 12 mesi sui finanziamenti attivati dalle imprese”

Corriere dell'Umbria

La Confederazione degli artigiani sollecita misure straordinarie
PERUGIA • "Contro l'emergenza Coronavirus, che sta assestando un colpo mortale anche all'economia, occorrono misure straordinarie". Renato Cesca, presidente di Cna Umbria, non nasconde la preoccupazione. "Gli effetti di questa epidemia, e delle misure necessarie per arginarla, si stanno rivelando devastanti. Basti pensare alle conseguenze per le imprese artigiane del trasporto persone, che in un solo giorno, con la cancellazione delle gite scolastiche, hanno visto sfumare milioni di introiti. Per questo servono misure straordinarie, - prosegue Cesca - sia a livello nazionale che regionale. Innanzi tutto serve una moratoria di almeno 12 mesi sui finanziamenti attivati dalle imprese per la realizzazione di investimenti. Poi occorre una misura speciale di cassa integrazione in deroga che abbia validità universale. Inoltre è necessario un grande piano di rilancio degli investimenti pubblici a partire dalle infrastrutture, magari anche attraverso la sospensione del codice degli appalti. Infine serve un'indennità a favore dei lavoratori autonomi di durata non inferiore ai sei mesi". Accanto alle misure nazionali la Cna invoca anche provvedimenti da parte della Regione. A differenza della Confindustria, che ha criticato la rimodulazione dei fondi europei, Cna convidide la scelta della giunta di concentrare le risorse su competitività e ambiente/cultura anziché sulla ricerca. Per Cna servono anche interventi straordinari per le costruzioni". Mar.Ros. L'analisi "La cancellazione delle gite ha mandato in fumo milioni per le ditte di trasporto"

Foto: Preoccupato


Foto: Il presidente di Cna Umbria Renato Cesca