scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
04/05/2021

Cna: “La Regione ha accolto le nostre richieste”

Corriere dell'Umbria

Plauso alle scelte di palazzo Donini. Il presidente, Cesca: pubblicare subito le misure annunciate
PERUGIA K "Una manovra regionale che impegna 25,5 milioni di euro a sostegno degli investimenti delle imprese sulla digitalizzazione va nel senso da noi auspicato. Pertanto possiamo dirci pienamente soddisfatti". Sono le parolediRenato Cesca, presidente di Cna Umbria, subito dopo l'annuncio fatto ieri mattina dalla presidente della giunta regionale Donatella Tesei e dall'assessore Michele Fioroni, alla presenza dei presidenti di Gepafin e Sviluppumbria, Carmelo Campagna e Michela Sciurpa. "In particolare, la previsione di due bandi specifici per le micro e piccole imprese e di un bando con maggiori risorse per le imprese più strutturate, cui si aggiungono i due bandi sulle aree di crisi Terni-Narni e area ex Merloni, risponde alle esigenze manifestate dalle imprese negli ultimi mesi s p i e g a Cesca in una nota - Siamo convinti che il sostegno alla trasformazione digitale delle imprese possa contribuire in maniera importante al riposizionamento del nostro sistema economico-produttivo. Inoltre, nei bandi più corposi, è stata inserita la possibilità di unire agli investimenti digitali anche quelli relativi alle opere murarie ad essi collegate - prosegue - anche questa è una novità importante in quanto gli immobili produttivi devono essere riqualificati al pari di quelli privati e pubblici. Adesso ci auguriamo che le misure annunciate vengano pubblicate velocemente perché la rapidità è fondamentale. Il lavoro fatto in stretta sinergia con la giunta e con le agenzie regionali - conclude Cesca - rappresenta un fatto importante per la nostra associazione e per tutto il sistema imprenditoriale". Una manovra che crea una serie di aspettative nel mondo economico gravato non solo dagli effetti pesantissimi della crisi legata alla pandemia ma anche da difficoltà che arriva da anni di sofferenza del settore produttivo. La crisi economica e in alcune zone anche le conseguenze del terremotodel 2016 hannofatto scivolare gli indicatori economici regionali verso il sud. E l'Umbria da regione che guardava al nord e alle regioni più ricche si è trovata tra le regioni del sud. Soddisfatti "Bene anche la riqualificazione degli immobili produttivi"

Foto: Renato Cesca Il presidente di Cna Umbria commenta il programma di interventi della giunta