scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
11/02/2021

Click day tra proteste e guai tecnici

La Nuova Sardegna

Regione contestata per il frequente ricorso al sistema che premia i più veloci
CAGLIARIIn Sardegna il sistema del click day ha creato più polemiche che riscontri positivi. Negli ultimi mesi la Regione ha spesso fatto ricorso a questo tipo di criterio per l'erogazione di contributi in vari settori. Quasi sempre con problemi e ancora più frequentemente con polemiche. Il caso del bando Sine Limes, che doveva assegnare risorse e aiuti a anziani e persone con disabilità, è forse il più eclatante (con la disponibilità dei fondi esaurita in meno di un minuto), ma non certo l'unico. E probabilmente non sarà l'ultimo. «Non avevamo scelta», si è difeso l'assessore alla Sanità, Mario Nieddu.Eppure già all'indomani delle polemiche sul click day per i finanziamenti ai grandi eventi, il presidente della Regione Christian Solinas aveva promesso dei correttivi. Dopo i grandi eventi ci sono stati altri inconvenienti e altre polemiche: a fine gennaio il bando per i lavoratori autonomi ha mandato in tilt i sistemi informatici della Regione («problema tecnico, non dovuto all'elevato numero di accessi», era stata la difesa) e quindi è stato necessario un rinvio. «Non si tratta di un click day», ha precisato poi l'assessora Zedda, ma i problemi si sono riproposti, con nuovo rinvio e procedure rallentate. Insomma, il sistema mostra falle e scontenta molti. Sia chiaro, non si tratta di un problema solo sardo. Il sistema non premia la qualità di un progetto, l'effettiva necessità di una persona o di un'azienda che aspirano a un sussidio, ma in sostanza dà la precedenza a chi ha la connessione più veloce o il computer più potente. Aspetto sottolineato persino dalla Corte di Cassazione in un pronunciamento che metteva in evidenza come il risultato della selezione cosi congegnata dipende dalla «potenza e sofisticatezza delle apparecchiature informatiche, di cui dispongono i singoli contribuenti o i professionisti che li assistono».Eppure a livello nazionale è stato usato questo sistema anche per i bandi Inail e in tante altre occasioni. Un approccio diffusissimo, tanto che c'è anche chi ha creato sistemi per prepararsi al meglio: «Meno del 10% delle aziende che fanno domanda si aggiudica il bando. Sei abbastanza preparato? Migliora i tuoi tempi con il Simulatore click day» è il messaggio promozionale di uno dei diversi siti web che propongono sistemi attraverso i quali migliorare le proprie performance col mouse. Se è vero, come dice l'assessore Nieddu, che «non ci sono alternative», allora è meglio attrezzarsi.