MENU
Chiudi

Circuito Marconi, cambia la gestione: ora c’è Fano + Sport

14/03/2018

Corriere Adriatico

GLI AFFIDAMENTI
FANO Cambia gestione il circuito ciclistico Marconi, a Fano nella zona sportiva della Trave. «La gara è stata aggiudicata alla società Fano + Sport spiega il consigliere comunale Enrico Nicolelli, Pd sulla base dell'offerta tecnica e dell'offerta economica, con un ribasso che consente all'Amministrazione comunale di ottenere un risparmio pari a circa 3.000 euro. Mi sembra che sia stata imboccata la strada giusta».
Di fatto in contemporanea, il Comune ha rinnovato la gestione della piscina all'aperto a Sassonia, che era arrivata a scadenza. In questo caso, però, è stata confermata la convenzione con la società Fanum Fortunae, «prevedendo un aumento del canone da 1.500 a 5.000 euro».
«Ottenere risparmi e maggiori introiti dalla gestione degli impianti ha proseguito Nicolelli è l'unico modo per redistribuire risorse economiche all'intero settore. Dalla gestione di questi primi due impianti, l'Amministrazione comunale di Fano ha recuperato quasi 7.000 euro, che possono contribuire a interventi di manutenzione oppure agli aspetti organizzativi delle manifestazioni». Quattro associazioni sportive si sono candidate al bando relativo al circuito Marconi, che era stato affidato alla società Atletica Fano. La nuova gestione è stata invece aggiudicata alla società Fano + Sport, che si occupa di triathlon, nuoto ciclismo e corsa. «Il ribasso proposto afferma il consigliere Nicolelli è stato del 20 per cento su una base di 11.500 euro».
Piscina, gestore confermato
Come la piscina estiva Ricci a Sassonia, il circuito ciclistico nel quartiere sportivo della Trave è un impianto di rilevanza cittadina, in assoluto il più frequentato per l'elevato afflusso di sportivi tra appassionati di ciclismo, podismo e pattinaggio. Si calcolano dai 200 ai 300 accessi giornalieri, compresi coloro che utilizzano l'impianto per passeggiate salutari. Piuttosto complesso, di conseguenza, l'aspetto della manutenzione, anche per l'accuratezza richiesta dall'Amministrazione comunale fanese.
Otto società da tutta Italia hanno invece concorso alla gestione dell'impianto natatorio all'aperto. «Sento dire afferma l'assessore Caterina Del Bianco che gli impianti sportivi non interessano più, mi sembra vero invece l'esatto contrario: un numero non banale di candidature ha infatti riguardato entrambi i bandi».
Scadrà fra tre anni la gestione sia del circuito ciclistico sia della piscina alla Sassonia, rinnovabile per un altro triennio a patto che la società vincitrice del bando investa per migliorare le strutture esistenti. «Insieme con il dirigente Giuseppe De Leo conclude l'assessore Del Bianco stiamo effettuando un grande lavoro di riordino sulla base del nuovo codice appalti, che per la prima volta parla espressamente di impianti sportivi. Stiamo verificando che, soltanto nel 2018, ne andrà a gara almeno una dozzina. Ci aspetta un anno di lavoro molto intenso». La logica della legge è quella di favorire il ricambio gestionale.
Osvaldo Scatassi
© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 Mar
Corriere Adriatico LA POLEMICAPESARO «Bando Sprar, i profughi se ne vanno finito il periodo dell'accoglienza. A guadagnarci è solo la Labirinto». [...]
14 Mar
Eco di Bergamo - Laura Arnoldi Manutenzione Dal 25 marzo l'impianto da Albino si ferma per lavori Intervento da 1,3 milioni. Il sindaco: Sab e Agen [...]

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore