scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
23/02/2021

Cinque TerreLe cooperative delle Cinque Terre si s…

Il Secolo XIX - p. s.

Cinque TerreLe cooperative delle Cinque Terre si sono aggiudicate il bando per la gestione dei servizi turistici di accoglienza, informazione e vendita biglietti di accesso ai sentieri, la pulizia degli uffici informazione, dei servizi igienici e dei sentieri. Inclusa nel bando anche la gestione del Centro di educazione ambientale (Cea), che offre attività didattiche rivolte alle scuole e ai giovani su tutti gli aspetti legati all'ambiente del Parco e dell'area marina protetta. Nel primo pomeriggio di ieri, nella sede dell'ente a Manarola, sono state aperte le buste per l'aggiudicazione dei servizi. A partecipare al bando oltre alle tre cooperative delle Cinque Terre raccolte in associazione temporanea di impresa (Ati), anche un raggruppamento di Cuneo-Torino. Il bando, che avrà durata di un anno, è stato assegnato tenendo conto della migliore offerta economica, della qualità e dell'esperienza. Le tre cooperative delle Cinque Terre hanno una continuità nella gestione dei servizi di quasi venti anni. Il bando stanzia 908 mila euro, di cui 394 mila euro per la vendita delle carte di acceso al sentiero Azzurro, una somma che prevede la vendita di duecento mila biglietti per la stagione turistica 2021. Negli anni precedenti la pandemia i ticket di accesso venduti erano un milione e duecento circa. I cento dipendenti delle tre cooperative, con l'aggiudicazione del bando, hanno tirato un sospiro di sollievo, ma resta la preoccupazione per la riduzione delle ore lavorative. I sindacati Filcams Cgil e Fisascat Cisl e Sinistra Italiana-Linea Condivisa proseguono con il sostegno ai lavoratori delle cooperative per garantire il maggiore numero possibile di ore lavorative e la creazione di nuovi progetti legati al turismo e al territorio. «I ragazzi delle Cinque Terre hanno vinto la gara, per noi è un'ottima notizia - dice Nicola De Benedetto di Sinistra Italiana assemblea nazionale - Ora è molto importante tutelare la qualità dell'accoglienza, la cura del territorio e la tenuta salariale dei contratti, anche attraverso l'eventuale consolidamento di progetti supplementari che incrementino la funzionalità dei servizi generali, il sostegno alle aree agricole e la riqualificazione dei sentieristica». --p. s.© RIPRODUZIONE RISERVATA