scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
16/03/2021

Cimitero, ultimata la bonifica via alla gara per i nuovi loculi

Il Messaggero

LA FORMULA È QUELLA DEL PROJECT FINANCING INTANTO PROSEGUE LA RACCOLTA FIRME DEI COMITATI DEL NO PER IL REFERENDUM
SANTA MARINELLA
Si è conclusa ieri un'importante opera di pulizia e manutenzione straordinaria del cimitero comunale di Santa Marinella. Il tutto, in attesa della pubblicazione, a breve, del bando pubblico per realizzare, con la procedura del project financing, l'ampliamento della struttura e la costruzione dei primi 460 nuovi loculi. L'iniziativa è stata varata dall'amministrazione, per uscire dall'emergenza che, da molti anni ormai, colpisce il cimitero comunale. Dopo alcuni sopralluoghi, e a seguito anche di molte proteste dei cittadini, il Comune ha incaricato la società Multiservizi, di cui è proprietaria, di eseguire alcuni interventi straordinari per ripristinare le condizioni di decoro, pulizia e sicurezza all'interno del cimitero della cittadina. Il passo successivo sarà la pubblicazione della gara pubblica per scegliere, sulla base del progetto di massima già presentato dal promotore del project financing, l'impresa che si aggiudicherà l'appalto per la futura creazione di oltre temila nuovi loculi e la conseguente gestione della struttura che, comunque, resterà di proprietà del Comune. L'impresa che con la sua proposta migliorativa vincerà il bando, dovrà realizzare subito un primo lotto di loculi per far fronte, almeno per un paio di anni, alle richieste di sepolture e interrompere, una volta per tutte, la prassi della requisizione dei loculi già assegnati ai concessionari ancora in vita.
Nei mesi scorsi, quando la giunta Tidei varò il primo dei project financing previsti nel suo programma elettorale, una sola società rispose al bando. Si tratta dell'impresa Cogeco, specializzata nella costruzione di strutture sanitarie e cimiteriali pubbliche, realizzate di recente in molte città italiane, tra cui Viterbo. Il progetto, dopo essere stato valutato da un'apposita commissione di tecnici, è stato ritenuto congruo ed è stato ammesso a partecipare alla fase successiva. Questo sta a significare che la società, definita promoter, parteciperà al bando pubblico, al quale potranno concorrere, però, anche altre ditte interessate e magari in grado di presentare progetti migliorativi e più convenienti per il comune. Progetti che dovranno essere di nuovo esaminati da una commissione di gara.
L'iter, dovrebbe concludersi entro pochi mesi, di sicuro molto prima della possibile indizione del referendum consultivo chiesto dal comitato Bene Comune, che la scorsa settimana ha depositato in Municipio la sottoscrizione per indire la consultazione referendaria. Nonostante la petizione si sia conclusa, il comitato contrario ai project financing in questo fine settimana, ancora in giallo, sta proseguendo nella sua raccolta di firme ai banchetti allestiti nella cittadina.
Monica Martini
© RIPRODUZIONE RISERVATA