scarica l'app
MENU
Chiudi
09/05/2020

Ciclabili da potenziare «Va semplificato l’iter»

Il Giornale di Vicenza

Mobilità non fa rima solo con trasporto pubblico o su strada, ma anche con biciclette e, negli ultimi tempi, con monopattini. «E a tal proposito ben venga l'incentivo di cui si parla per l'acquisto di questi mezzi ecologici, ma non basta», chiarisce l'assessore ai trasporti del Comune di Vicenza Matteo Celebron. «Come Comune siamo stati di manica molto larga per quanto riguarda la micromobilità, sulla quale credo molto, cercando di favorirla con un regolamento specifico, ma serve anche un adattamento strutturale della viabilità, che si ottiene con lavori e opere. Stiamo valutando i collegamenti, anche con i comuni limitrofi, ma dobbiamo poter lavorare in modo snello». E qui la nota si fa dolente. «Con il sistema attuale se pensiamo a una ciclabile oggi, se va bene la vediamo pronta tra un anno e mezzo. E questo non può essere. Va rivisto il codice degli appalti per mettere nelle condizioni le amministrazioni locali di intervenire, programmare e realizzare opere, così da sfruttare le risorse che potrebbero essere svincolate». Vale per le ciclabili «che non possono essere liquidate con una semplice linea gialla» e in generale «per i lavori pubblici. Ben vengano i controlli, ci mancherebbe, ma non si può paralizzare il sistema. L'iter va snellito, almeno per i prossimi due anni dobbiamo poter lavorare in maniera agile, che non significa raggirare le leggi o non rispettarle. Significa rimettere in moto il Paese perché siamo in stato di emergenza. L'esempio del ponte Morandi di Genova deve fare scuola». © RIPRODUZIONE RISERVATA