scarica l'app
MENU
Chiudi
24/03/2020

«Ci rialzeremo Ma subito flat tax»

QN - Il Giorno

Matteo Salvini (segretario Lega)
1 - «L'Italia è un Paese straordinario che si rialza dalle sciagure più forte di prima - chiarisce Matteo Salvini, capo della Lega -. Ce la faremo, ma dobbiamo recuperare il tempo perduto evitando di sprecarne altro, perché questa emergenza ci insegna che di burocrazia e di tasse si muore. Serve subito un anno bianco fiscale per tutto il 2020 con stop a tributi, imposte e contributi su garanzia statale, grande rilancio del Made in Italy oggetto di boicottaggio da parte di alcuni Paesi stranieri, pace fiscale per tutte le cartelle di Equitalia, riforma radicale del Codice degli appalti per liberare risorse e attività». 2 - «Servirà una rivoluzione fiscale che per noi ha un solo nome: 'flat tax', aliquota unica al 15% sul reddito che dia ossigeno alle aziende e crei le condizioni per la ripresa economica. Soltanto così potremo tenere in piedi settori vitali del nostro tessuto produttivo, in primis il manifatturiero, rafforzando la filiera italiana e il mercato interno con l'aiuto dei nostri concittadini che hanno finalmente compreso quanto sia importante comprare made in Italy». 3 - «L'Europa sono le nostre patrie, le nostre radici, la nostra storia comune che di epidemie ne ha affrontate e sconfitte di peggiori. E se l'Unione Europea vuole davvero rappresentare qualcosa di più di un comitato d'affari strangolato dalle sue stesse regole, non c'è dubbio che deve cambiare profondamente. Difendere i confini esterni, tutelare la salute dei cittadini, proteggere i più deboli: o si riparte da qui, su basi democratiche, oppure la Ue si condannerà da sola». 4 - «Noi siamo pronti a collaborare in modo costruttivo, ma questo non può diventare l'alibi per provvedimenti deliranti come lo 'svuotacarceri' con migliaia di delinquenti detenuti per reati di spaccio, truffa e rapina, che torneranno a casa. Da gennaio la Lega proponeva controlli alle frontiere e isolamento per chi tornava dalla Cina: non ci hanno ascoltati. Abbiamo offerto idee e proposte anche per il Decreto, ma la risposta del governo è insufficiente». © RIPRODUZIONE RISERVATA