scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
21/08/2021

Chiusure Covid, sostegni a cento imprese

QN - Il Resto del Carlino

COPPARO Sono circa 100 le imprese copparesi che hanno partecipato al secondo bando promosso dal Comune, in collaborazione con la Camera di Commercio di Ferrara, per l'assegnazione di un contributo 'una tantum' da 1.000 euro. Delle domande che sono pervenute all'ente camerale entro il 4 agosto scorso, attualmente ne sono state processate 70: di queste, cinque sono state respinte, in quanto tre aziende avevano già beneficiato dei fondi del primo bando, e due sono risultate aver definitivamente sospeso la loro In fase di analisi, dunque, restano 33 domande. Qualora queste ultime abbiano tutti i requisiti richiesti, ammonteranno a 98mila euro le risorse effettivamente stanziate, a fronte di un plafond disponibile di complessivi 300mila euro messi a disposizione dall'amministrazione comunale per dare sostegno delle imprese copparesi danneggiate dall'emergenza sanitaria da Covid-19. Quindi, il risultato ottenuto si può considerare al di sotto delle attese e degno di essere analizzato, considerando il fatto che rimarranno nelle casse comunali circa 202mila euro che potranno comunque essere destinati ad altre misure legate all'emergenza sanitaria. Dopo il primo bando che prevedeva un plafond da 100mila euro e che era andato esaurito nel giro di pochissime ore, erano emerse diverse perplessità dal mondo politico locale e dall'associazioni di categoria, che avevano chiesto di rivedere i criteri di assegnazione del contributo, sostenendo che diverse attività fossero rimaste escluse dal beneficio, sebbene avessero subito una sospensione della loro attività a causa dell'emergenza sanitaria. Quindi, per l'emissione di questo secondo bando, si erano svolti tavoli di confronto con le associazioni di categoria per rivedere i criteri e le categorie considerate. Dunque, è stato costruito un bando che contemplasse sia le istanze dei rappresentanti delle imprese, sia i criteri previsti dall'amministrazione comunale. Una volta completato il percorso, con la liquidazione del contributo alle attività che ne hanno fatto richiesta, dovrà essere analizzato il motivo per cui plafond residuo sia di oltre la metà, rispetto all'erogato. Valerio Franzoni © RIPRODUZIONE RISERVATA