scarica l'app
MENU
Chiudi
14/01/2020

Chiesti chiarimenti sul pagamento degli stipendi ai dipendenti delle società appaltatrici di servizi

La Gazzetta Del Mezzogiorno

LUCERA LA USB HA INOLTRE SOLLECITATO UN INCONTRO PER FARE IL PUNTO SULLE PROSSIME GARE DI AFFIDAMENTO
l LUCERA. Quali le responsabilità dei ritardi degli stipendi ai dipendenti? Quali garanzie finanziarie sono richieste negli appalti pubblici a fronte di non regolari erogazioni delle spettanze retributive? Per i ritardi nel pagamento degli stipendi l'Usb di Lucera (unione sindacale di base) ha chiesto al Comune di Lucera di attivare quanto previsto dal codice degli appalti che recita: «intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza retributiva dell'esecutore e del subappaltatore». «L'unione sindacale di base esprime inquietudine e preoccupazione per il perpetrarsi di una situazione di estrema difficoltà cui sono sottoposte le maestranze, con riferimento ai ritardi, ormai cronici, dei pagamenti degli stipendi e chiede che siano fornite ai lavoratori risposte chiare ed esaustive dall'azienda appaltatrice a partire dal ripristino delle date ufficiali previste per il pagamento dei salari, come da regolamento aziendale», afferma tra le altre cose in una nota stampa l'organizzazione sindacale che aggiunge: «Inquietudine e preoccupazione per un'ammi nistrazione che, nonostante l'informativa sindacale, non riesce ad applicare una norma contenuta in una legge dello Stato. Abbiamo chiesto un incontro con la direzione aziendale ed il Comune di Lucera, per chiarimenti circa la condizione economico-finanziaria dell'azienda appaltatrice e approfondimenti in merito al nuovo contratto di servizio previsto dall'ente appaltante. Non è pensabile che in presenza di un appalto della durata di 9 anni il gestore del servizio non sia in grado di assicurare almeno poche mensilità pur in presenza di ripetuti ritardi, da parte del Comune, nella liquidazione di quanto previsto da contratto. In assenza di risposte chiare ed esaustive i lavoratori si dichiarano, sin da ora, pronti ad adottare tutte le iniziative sindacali e non che si riterranno necessarie a tutela dei propri diritti».

Foto: LUCERA Una veduta